Apri un dialogo nuovo

  1. Camomilla
  2. Psicologia
  3. Martedì, 24 Settembre 2013
Buon pomeriggio,
mi chiamo Camilla e sono una ragazza di vent'anni ferma a casa. Ho finito quest'anno il liceo artistico, ho fatto il 9 settembre il test di ingresso per fisioterapia a Milano e ieri ho saputo che non l'ho passato. Mi è caduto il mondo addosso. Prima di venire a conoscenza del risultato avevo coscienza che sarebbe potuta andare bene come male, che era un'incognita, ma inutile dire che ci speravo. Nella speranza e nel periodo di attesa ho cercato soluzioni alternative come osteopatia, ultimamente ho nutrito un certe interesse per la cucina, soprattutto perché essendo a casa a fare niente mi dedicavo alla preparazione di torte e/o piatti salati. Oggi non sono più sicura di niente, non so fino a che punto osteopatia mi convenga farla, sia per il lungo periodo di studio, sia per i costi della scuola, sia per un futuro. Ho cambiato completamente studi nonostante per me le materie scientifiche risultino un po' difficili perché volevo guardare al futuro, un futuro che vorrei fosse sicuro, dove voglio trovarmi ad essere indipendente da chiunque e fare ciò che voglio, in senso buono del termine. Non ho molte passioni ma quelle che ho sono vere e forti, amo i cavalli, amo mangiare, parlare, stare in mezzo alla gente, cucinare e fare qualcosa per qualcuno, mi sento soddisfatta quando ho aiutato qualcuno nel momento del bisogno e questo lo riconosco fin da piccola. Ho provato a cercare qualcosa nel campo equino, l'unico mio difetto se così si può chiamare è il non sopportare la vista del sangue e/o rotture, quindi non potrei lavorare con i cavalli come medico. Sto male, non sopporto l'idea di essere qui al mondo e non avere uno scopo, un fine. Mi guardo attorno e vedo i miei genitori che vanno al lavoro e lo fanno con passione amore e dedizione e io invece sono qui a casa a vent'anni e non so cosa fare. Mi fa male vedere mio padre che ha sessant'anni partire il lunedì e tornare il venerdì da Parma, vedere mia madre, che è sulla cinquantina, alzarsi presto al mattino e andare a Buccinasco a insegnare a una scuola elementare. Io vorrei trovare la mia strada al più presto, trovare quel qualcosa che mi riempia la vita, che mi faccia vivere il lavoro come una passione, come una gioia, che me lo faccia vivere con leggerezza, della serie "sì, sto lavorando, mi sto guadagnando dei soldi, ma sto bene con me stessa, non mi pesa anche se lavoro 24 ore su 24". Le chiedo se ha qualche consiglio o un suggerimento.
Spero di ricevere una risposta al più presto. Grazie.

Camilla
Campi Personalizzati
20
Risposta accettata Pending Moderation
Gentile Camilla,

grazie del Suo messaggio e di aver voluto condividere con me questo momento di incertezza e fatica.

Per aiutarla a trovare la Sua strada non ho nessuna ricetta magica da offrirle, ma Le propongo di fare molta attenzione a 3 ingredienti, che, se ben utilizzati, penso potranno contribuire molto alla Sua realizzazione.

1) Charles Darwin, il famoso naturalista, già nel 1800, dopo aver girato tutto il mondo per osservare le diverse specie animali, osservò che nell’evoluzione chi alla fine sopravvive non è il più forte o il più intelligente, ma chi ha maggiore capacità di adattamento. Io credo che questo principio sia ancora più vero nella nostra epoca di grandi e rapidissimi cambiamenti. Il primo ingrediente è quindi la FLESSIBILITA’. Il mio piano A (fisioterapia) non ha funzionato, quale può essere il mio piano B?

2) Seth Godin, grande esperto americano del marketing, dice che ormai qualsiasi attività o professione può essere facilmente copiata da altri disposti a fare lo stesso lavoro ad un prezzo più basso. Nell’era di internet non è difficile acquisire informazioni o competenze mancanti. Secondo lui, l’unico modo per avere un successo lavorativo durevole è metterci “la propria impronta digitale”, intesa come un pezzo di sé, della propria storia e della propria passione. Il secondo ingrediente è quindi la PASSIONE. Il segreto però non è fare solo ciò che piace, ma riuscire a farsi piacere tutto quanto uno deve fare, trovando il proprio personale modo di farlo.

3) Claudio Bellotti, coach e formatore, ha ripreso da un gruppo del Club Alpino Italiano il motto “la meta non è la vetta”. L’obiettivo cioè non è arrivare in cima (se no basterebbe prendere l’elicottero), ma la gioia e la fatica che si prova nella scalata. Quello che conta non è quindi mettere la bandierina sulla vetta, ma quale persona divento impegnandomi per raggiungere l’obiettivo. Il terzo ingrediente è quindi la CONSAPEVOLEZZA, perché non è tanto importante “cosa” scelgo di fare come lavoro, quanto “come” lo faccio. Il lavoro è uno strumento, non è un fine: è molto importante non confondere le due cose.

Se terrà ben presente questi tre ingredienti, sono sicuro riuscirà a trovare dentro di sé le risposte che cerca e a costruire nella Sua vita la sicurezza e la serenità che si merita.

In bocca al lupo!
Dott. Claudio Sessa Vitali psicologo specializzato in psicoterapia ad indirizzo sistemico relazionale ed E.M.D.R.

Tel. 02-29526852 e Cell. 347-8003203
  1. più di un mese fa
  2. Psicologia
  3. # 1
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora delle risposte per questo dialogo.
Ospite
La tua risposta

Perchè scegliere noi?

3 buoni motivi per affidarsi allo Studio Kaleidos
 

1. Ascolto

La prima cosa che vi offriremo sarà un sorriso, il desiderio di conoscere la Vostra storia e la voglia di stare ad ascoltarVi fino in fondo.

2. Professionalità

Qui lavorano solo psicologi-psicoterapeuti esperti, aggiornati e appassionati, che seguono scrupolosamente il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani.

3. Efficacia

Conosciamo e usiamo le tecniche più moderne, affidabili e di validità dimostrata per produrre cambiamenti efficaci, profondi e duraturi.

Mettiti in contatto con noi

Contattateci liberamente, saremo felici di sentirvi e darvi tutte le informazioni che desiderate per fissare un eventuale primo appuntamento, ma non forniamo consulenze telefoniche o via email.

Contattaci

Contatta subito lo Studio Kaleidos

Indirizzo

Via Alessandro Stradella, 9
zona Porta Venezia - Milano

Approfondisci

Orari di apertura

Lunedì - Venerdì
9.00 - 19.00
Sabato
10.00 - 19.00

Approfondisci

Costi

€ 100 incontro individuale
€ 150 incontro di coppia o familiare

Approfondisci

Contatti

Telefono
02 29526852
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Approfondisci

Ti ringraziamo per essere venuto a trovarci, rimani aggiornato sulle novità di Studio Kaleidos