Apri un dialogo nuovo

  1. sara
  2. Psicologia
  3. Giovedì, 02 Giugno 2016
Ciao, sono una ragazza di appena 20 anni e sto con un ragazzo di 25 anni, per la precisione siciliano. Ci siamo messi insieme 1 anno e mezzo fa.
È iniziato tutto come per gioco da parte di entrambi, poi andando avanti nel tempo ci siamo innamorati. Aveva un carattere solare, scherzoso: il ragazzo perfetto. Successivamente però lui mi ha mostrato un altro suo lato: quello GELOSO. E, senza rendermene conto, ho perso le mie più care amicizie e il mio carattere solare e forte, non mi curo e non mi vesto più come voglio, perché per lui direbbe che voglio attirare i ragazzi e pensa sempre che io lo stia tradendo, nonostante ogni minuto della mia giornata, della mia vita la dedico a lui... Io lo amo un sacco, però in questo modo sto pian piano morendo dentro, non rispetta più i miei principi: quello che dice lui è legge.
Sì, non mi fa mancare niente, né affetto, né regalini o soldi... ma a volte mi sento come la sua P****NELLA (scusa per la volgarità).
È sempre minaccioso, ormai non faccio altro che piangere ogni volta davanti a lui, non faccio altro che urlare contro tutto e tutti, mi sto rovinando il periodo che dovrebbe essere il più bello della mia vita. Io gli voglio un sacco bene, ma non lo voglio più al mio fianco: mi fa solo stare male e ho paura a lasciarlo, perché sarebbe capace di farmi del male.
Spero mi possiate essere d'aiuto, perché sto avendo un esaurimento.
Grazie! I miei più cari saluti.
Campi Personalizzati
20
Risposta accettata Pending Moderation
Gentile Sara,
grazie del Suo messaggio.
Fra tanti aspetti su cui potrei soffermarmi, scelgo di concentrarmi solo su una Sua unica affermazione, per me estremamente importante: “ho paura a lasciarlo, perché sarebbe capace di farmi del male”.
E’ fondamentale Lei non prosegua una relazione con una persona che teme potrebbe farle male se Lei decidesse di lasciarlo. L’amore può esistere e crescere solo dove c’è libertà, se c’è paura diventa una prigione.
Una frase che mi è rimasta particolarmente impressa dalle campagne di sensibilizzazione per ridurre le violenze sulle donne è questa : “C’è solo un modo per cambiare un partner violento: cambiare partner.” Penso sia vero.
La questione non è tanto se questa paura sia fondata (e il Suo partner possa diventare effettivamente violento) oppure i Suoi timori siano esagerati (e nel concreto lui non Le farebbe mai male): è sufficiente che Lei, anche solo per un attimo, lo pensi, per rendere questa relazione insana.
Capisco bene quanto questo possa risultare difficile per Lei, ma trovi il coraggio di lasciarlo e di spiegargli il meglio possibile i motivi di questa Sua scelta, magari anche facendogli leggere questa lettera e la mia risposta. Se lo farà, si apriranno sostanzialmente due scenari.
Il primo: lui diventerà effettivamente ancora più minaccioso o addirittura violento, addossandole tutte le colpe, dicendole che Lei sostanzialmente non aspettava che un pretesto per lasciarlo e andare con altri ragazzi, che è una poco di buono e una ingrata. In questo caso sarà estremamente doloroso, ma Lei saprà con assoluta certezza di aver fatto la scelta giusta a lasciarlo, che passare un anno e mezzo con lui è già stato troppo e che proseguire oltre le creerebbe solo maggiore sofferenza.
Il secondo: lui utilizzerà questa occasione per provare faticosamente a capire quanto Lei gli sta veramente dicendo, inizierà a mettersi in discussione e deciderà di cambiare, iniziando dal rispettare questa Sua scelta, senza volerla forzare a rimanere con lui, né con minacce, né con accuse, né con ricatti emotivi. In questo caso ci sono ottime probabilità che, visto che “lo ama un sacco”, dopo un periodo di stacco (fondamentale!), Lei decida di iniziare una nuova relazione con lui, fondata però su basi completamente diverse.
Per comprendere meglio cosa Lei desidera realmente da una relazione, in che modo ha contribuito a creare questa situazione e come poter costruire una realtà di coppia diversa, un percorso di psicoterapia potrebbe esserle molto utile.
In bocca al lupo!
Dott. Claudio Sessa Vitali psicologo specializzato in psicoterapia ad indirizzo sistemico relazionale ed E.M.D.R.

Tel. 02-29526852 e Cell. 347-8003203
  1. più di un mese fa
  2. Psicologia
  3. # 1
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora delle risposte per questo dialogo.
Ospite
La tua risposta

Perchè scegliere noi?

3 buoni motivi per affidarsi allo Studio Kaleidos
 

1. Ascolto

La prima cosa che vi offriremo sarà un sorriso, il desiderio di conoscere la Vostra storia e la voglia di stare ad ascoltarVi fino in fondo.

2. Professionalità

Qui lavorano solo psicologi-psicoterapeuti esperti, aggiornati e appassionati, che seguono scrupolosamente il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani.

3. Efficacia

Conosciamo e usiamo le tecniche più moderne, affidabili e di validità dimostrata per produrre cambiamenti efficaci, profondi e duraturi.

Mettiti in contatto con noi

Contattateci liberamente, saremo felici di sentirvi e darvi tutte le informazioni che desiderate per fissare un eventuale primo appuntamento, ma non forniamo consulenze telefoniche o via email.

Contattaci

Contatta subito lo Studio Kaleidos

Indirizzo

Via Alessandro Stradella, 9
zona Porta Venezia - Milano

Approfondisci

Orari di apertura

Lunedì - Venerdì
9.00 - 19.00
Sabato
10.00 - 19.00

Approfondisci

Costi

€ 100 incontro individuale
€ 150 incontro di coppia o familiare

Approfondisci

Contatti

Telefono
02 29526852
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Approfondisci

Ti ringraziamo per essere venuto a trovarci, rimani aggiornato sulle novità di Studio Kaleidos