Apri un dialogo nuovo

  1. Stefania
  2. Psicologia
  3. Domenica, 15 Maggio 2016
Salve, per quattro anni sono stata fidanzata con un ragazzo. All'inizio era dolce, premuroso, affettuoso e tutta quelle cose che una donna si può aspettare da un rapporto.
Dopo un anno le cose sono cambiate, forse anche per il mio carattere un po’ complicato. Sono arrivate le parole pesanti, le discussioni per nulla e quel pretendere tutto come se gli fosse dovuto. Non sto qui a raccontare quattro anni per filo e per segno, ma solo alcuni episodi per far capire... Sono stati quattro anni devastanti, io sono rimasta per amore, nonostante tutto. L'ho mantenuto lavorando quel poco e mettendo i soldi per i suoi vizi e le sue necessità. Una volta mi chiamò dicendomi che aveva un debito... io appena ho guadagnato quei dannati soldi sono corsa da lui per portarglieli. Non so cosa gli prese in quel momento, io non dissi nulla, mi fece un occhio nero al posto di un saluto, fuori casa sua. Ovviamente nascosi la cosa. Schiaffi, pugni, tagli, rompermi tutto quello che avevo. Da stupida forse, pensavo di cambiare le cose, cambiare lui o che forse ero il problema. Non potevo uscire per niente e per nessuno. Anche andare a lavoro era diventato un problema per lui.
Scappai una volta da tutto questo... ma tornai, illusa che lui fosse cambiato. Invece dopo poco tempo mi ritrovai davanti la stessa persona... quella che pretendeva fossi io a far tutto e nonostante lo facessi non andava mai bene.
Me ne sono andata una seconda volta, senza dirgli nulla, forse per paura, e ora sono nella situazione di aver trovato una ragazzo che davvero mi vuole bene, davvero si preoccupa, davvero mi tratta da donna... però nonostante tutto a me manca lui.
Non so che mi succede, non so perché non riesco ad allontanarmi, a dimenticare e andare avanti... io non lo so. E ho paura... paura di tornare da lui, ma allo stesso tempo paura di perdere lui, che forse può cambiare, e forse è lui quello destinato a starmi accanto. Cosa devo fare? Come devo comportarmi? Come posso dimenticare tutto? Come posso andare avanti?
Campi Personalizzati
24
Dott. Claudio Sessa Vitali Risposta accettata Pending Moderation
Gentile Stefania,
grazie del Suo messaggio.
Nella Sua descrizione ci sono alcuni buchi da riempire, per rispondere a due fondamentali ordini di domande.
1) Che cosa c’era nella relazione passata che non c’è nella relazione attuale, al punto da fargliela rimpiangere ora, nonostante tutta la sofferenza che Le ha causato? Che cosa vi teneva così fortemente insieme? E più nello specifico: di quali aspetti del Suo ex si è innamorata?
2) Che cosa vi faceva litigare in modo così distruttivo? E più nello specifico: quali aspetti del Suo comportamento facevano infuriare l’ex al punto da renderlo fisicamente violento?
Da giovane facevo parte di un’organizzazione universitaria che aveva vari slogan e uno di quelli che, a distanza di molti anni, mi è più rimasto impresso è: “Se non sei parte della soluzione, sei parte del problema”. Questo secondo me è particolarmente vero per quanto riguarda le relazioni di coppia, in cui innanzitutto ci si sceglie reciprocamente e poi si costruisce un rapporto insieme. Per generare una relazione violenta bisogna essere sempre e comunque in due: questo non vuol dire in alcun modo giustificare percosse e prevaricazioni (che vanno invece denunciate e bloccate sul nascere in modo molto chiaro e netto), ma far assumere sia la piena responsabilità del comportamento violento all’uno, sia la consapevolezza della provocazione insita nel proprio comportamento all’altro. Finché non c’è questa consapevolezza, si rischia solo di fare una gran confusione e di passare da una relazione disastrosa ad un’altra ancora peggiore, attribuendo le cause unicamente all’esterno.
Per comprendere meglio le proprie dinamiche di coppia attuale è spesso utile guardare alla propria famiglia di origine e in particolare al modello di relazione di coppia proposto dai propri genitori, perché, volenti o nolenti, di solito è da lì che si parte, per somiglianza (“vorrei essere come loro”) o per contrapposizione (“non vorrò mai essere come loro”) e spesso per un insieme di entrambe le cose (“vorrei assomigliargli in alcuni aspetti ed essere l’opposto in altre”).
Il mio suggerimento è prima di sforzarsi di capire come andare avanti, fermarsi a riflettere in che direzione vuole procedere, per non correre il rischio di correre velocemente… in una direzione sbagliata! Per questo alcuni incontri con uno psicologo penso potrebbero risultare veramente utili.
In bocca al lupo!
Dott. Claudio Sessa Vitali psicologo specializzato in psicoterapia ad indirizzo sistemico relazionale ed E.M.D.R.

Tel. 02-29526852 e Cell. 347-8003203
  1. più di un mese fa
  2. Psicologia
  3. # 1
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora delle risposte per questo dialogo.
Ospite
La tua risposta

Perchè scegliere noi?

3 buoni motivi per affidarsi allo Studio Kaleidos
 

1. Ascolto

La prima cosa che vi offriremo sarà un sorriso, il desiderio di conoscere la Vostra storia e la voglia di stare ad ascoltarVi fino in fondo.

2. Professionalità

Qui lavorano solo psicologi-psicoterapeuti esperti, aggiornati e appassionati, che seguono scrupolosamente il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani.

3. Efficacia

Conosciamo e usiamo le tecniche più moderne, affidabili e di validità dimostrata per produrre cambiamenti efficaci, profondi e duraturi.

Mettiti in contatto con noi

Contattateci liberamente, saremo felici di sentirvi e darvi tutte le informazioni che desiderate per fissare un eventuale primo appuntamento, ma non forniamo consulenze telefoniche o via email.

Contattaci

Contatta subito lo Studio Kaleidos

Indirizzo

Via Alessandro Stradella, 9
zona Porta Venezia - Milano

Approfondisci

Orari di apertura

Lunedì - Venerdì
9.00 - 19.00
Sabato
10.00 - 19.00

Approfondisci

Costi

€ 100 incontro individuale
€ 150 incontro di coppia o familiare

Approfondisci

Contatti

Telefono
02 29526852
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Approfondisci

Ti ringraziamo per essere venuto a trovarci, rimani aggiornato sulle novità di Studio Kaleidos