Apri un dialogo nuovo

  1. Claudia
  2. Psicologia
  3. Venerdì, 11 Settembre 2015
Buonasera, sono una ragazza di 33 anni e finora ho sempre avuto relazioni con uomini sbagliati, che mi hanno profondamente delusa. Ho sempre avuto difficoltà nel raggiungere l'orgasmo, però finora non sapevo che fosse un disturbo chiamato anorgasmia e che fosse legato a cause psicologiche. Come se ciò non bastasse, ho perso anche il desiderio sessuale e non provo più eccitazione.
Il problema è che ho un partner, prima ero la sua amante mentre adesso abbiamo una storia seria. Purtroppo le cose non vanno benissimo, io voglio avere figli e sposarmi, mentre lui no, cerca di tenere nascosta la nostra storia, dice che mi vuole bene, ma che non è innamorato, ecc., ecc. Qualche settimana fa ho avuto una crisi, un crollo psicologico e ho addirittura pensato di essere lesbica, ma ho sempre avuto storie e fantasie con uomini. Guardo le donne solo per vedere se hanno i miei stessi difetti fisici o se sono più belle. Cosa mi sta succedendo? È possibile che negli anni ho accumulato troppe delusioni e stress? Il solo pensiero di dover far l'amore con il mio compagno mi crea ansia. Come posso fare per uscire da questa situazione? Grazie.
Campi Personalizzati
33
Risposta accettata Pending Moderation
Gentile Claudia,
grazie del Suo messaggio.
L’anorgasmia (impossibilità a raggiungere l’orgasmo) può riguardare sia uomini che donne, anche se fra queste ultime è più frequente. Può avere cause fisiche o, molto più spesso, psicologiche e relazionali. E’ utile distinguere se non è mai stato possibile raggiungere l’orgasmo (nemmeno durante l’autoerotismo) oppure se questo disturbo si manifesta solo in alcune circostanze (per esempio con il partner attuale o in un certo periodo della propria vita). Nel primo caso le cause potrebbero essere riconducibili anche alla sfera organica e potrebbe essere utile iniziare con un controllo ginecologico (o andrologico per gli uomini). Nel secondo caso invece l’origine del disturbo è quasi sicuramente psicologica e il professionista che può risultare più di aiuto è uno psicoterapeuta.
Lei è una giovane donna di 33 anni e quindi varrebbe la pena di chiedersi come mai Lei abbia sempre avuto relazioni con uomini sbagliati e perché ora desideri sposarsi ed avere figli proprio con un uomo di cui era amante (e quindi probabilmente tendenzialmente infedele), che dice apertamente di non essere innamorato di Lei e cerca di tenere nascosta la Vostra storia. Se Lei non riesce a raggiungere l’orgasmo e se addirittura il solo pensiero di far l’amore con lui Le crea ansia, probabilmente il Suo corpo Le sta mandando chiari segnali che qualcosa in questa scelta non va.
Cercare di ignorarlo o forzare sé stessa è inutile e di solito controproducente, al contrario risulterebbe prezioso iniziare ad ascoltarsi di più. Perché è solo il Suo corpo a ribellarsi e non tutta la Sua persona a rifiutarsi di fare l’amore con un uomo che dice di non amarla? Nella Sua lettera Lei descrive molte cose, ma in nessun punto scrive di amarlo: è un caso o rappresenta proprio ciò che sente dentro? Oggi desidera diventare moglie e madre, ma è sicura di volerlo proprio con quest’uomo?
L’anorgasmia che Lei prova può essere un problema, oppure una risorsa che La obbliga a guardarsi meglio dentro, prima di fare scelte di cui potrebbe pentirsi. Probabilmente infatti il problema non riguarda tanto e solo la relazione con quest’uomo, quanto in senso più lato il Suo modo di relazionarsi a sé stessa e agli altri. Credo che Le sarebbe perciò molto utile intraprendere un percorso di psicoterapia in cui poter comprendere meglio la Sua storia di vita personale, a partire dalla famiglia in cui è cresciuta, dal rapporto dei Suoi genitori con Lei e fra di loro. Percependo e comprendendo dove, come e perché il corpo, il cuore e la mente hanno iniziato a separarsi, potrà riprendere quel dialogo interno ora interrotto e costruire una nuova armonia che Le permetta di gustare pienamente tutto il piacere e il godimento che la vita Le può offrire.
In bocca al lupo!
Dott. Claudio Sessa Vitali psicologo specializzato in psicoterapia ad indirizzo sistemico relazionale ed E.M.D.R.

Tel. 02-29526852 e Cell. 347-8003203
  1. più di un mese fa
  2. Psicologia
  3. # 1
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora delle risposte per questo dialogo.
Ospite
La tua risposta

Perchè scegliere noi?

3 buoni motivi per affidarsi allo Studio Kaleidos
 

1. Ascolto

La prima cosa che vi offriremo sarà un sorriso, il desiderio di conoscere la Vostra storia e la voglia di stare ad ascoltarVi fino in fondo.

2. Professionalità

Qui lavorano solo psicologi-psicoterapeuti esperti, aggiornati e appassionati, che seguono scrupolosamente il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani.

3. Efficacia

Conosciamo e usiamo le tecniche più moderne, affidabili e di validità dimostrata per produrre cambiamenti efficaci, profondi e duraturi.

Mettiti in contatto con noi

Contattateci liberamente, saremo felici di sentirvi e darvi tutte le informazioni che desiderate per fissare un eventuale primo appuntamento, ma non forniamo consulenze telefoniche o via email.

Contattaci

Contatta subito lo Studio Kaleidos

Indirizzo

Via Alessandro Stradella, 9
zona Porta Venezia - Milano

Approfondisci

Orari di apertura

Lunedì - Venerdì
9.00 - 19.00
Sabato
10.00 - 19.00

Approfondisci

Costi

€ 100 incontro individuale
€ 150 incontro di coppia o familiare

Approfondisci

Contatti

Telefono
02 29526852
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Approfondisci

Ti ringraziamo per essere venuto a trovarci, rimani aggiornato sulle novità di Studio Kaleidos