Apri un dialogo nuovo

  1. Emilio C.
  2. Psicologia
  3. Martedì, 13 Maggio 2014
Salve, sono padre di una splendida bimba di 7 anni che, dopo un forte temporale 6 mesi fa, ha letteralmente il terrore di vento, pioggia, e temporali. Le basta vedere gli alberi che si muovono per essere terrorizzata. Spero possiate aiutarmi, grazie.
Campi Personalizzati
40
Risposta accettata Pending Moderation
Gentile Emilio, grazie del Suo messaggio. La paura di vento, pioggia e temporali è molto frequente nei bambini, anche se probabilmente, durante il forte temporale di 6 mesi fa, Sua figlia si è spaventata parecchio e quindi ora vive questi timori in modo molto più intenso. Il motivo è probabilmente che la bambina ha associato un evento che normalmente non desta alcuna preoccupazione (come per esempio vedere gli alberi che si muovono) con l’arrivo di una situazione da lei percepita come pericolosa (può tornare un temporale forte come quello di 6 mesi fa in cui ho avuto tanta paura). Quindi ora per lei è sufficiente percepire un semplice elemento (come un po’ di vento o pioggia) che potrebbe potenzialmente indicare un temporale in arrivo, per vivere una forte ansia anticipatoria. Ora è innanzitutto importante distinguere come è utile che il genitore si comporti 1) durante la situazione temuta e 2) al di fuori della situazione temuta. 1) Durante la situazione temuta (per esempio quando c’è vento) la bambina è in una fase di iperattivazione (chiamata tecnicamente “iperarousal”) in cui neurologicamente vengono inibite le attività di ragionamento più fine: in quel momento non è quindi in grado di ragionare lucidamente e per questo va semplicemente protetta, rassicurata e tranquillizzata, soprattutto fisicamente (abbracciandola e portandola al riparo) e utilizzando un tono di voce calmo e affettuoso. 2) Al di fuori della situazione temuta si può invece fare un prezioso lavoro di “palestra” in cui aiutarla a conoscere, attraverso prima di tutto disegni, poi anche fotografie e infine filmati, aspetti positivi e rassicuranti legati al vento e alla pioggia. Si può per esempio parlarle del vento che fa volare gli aquiloni e permette di navigare alle barche a vela, o della pioggia che dona refrigerio e permette di far sbocciare i fiori anche nel deserto. Oppure si può leggerle un libro adatto per bambini, come “Il domatore del vento”, scritto con questo scopo dal collega psicoterapeuta Alberto Pellai per le Edizioni Erikson. L’obiettivo di queste attività dovrebbe essere quello di far capire a Sua figlia che la sua paura è comprensibile, ma solo raramente pioggia e vento sono pericolosi, mentre molto più spesso sono amici preziosi. Credo che un lavoro di questo genere svolto da voi genitori sarà più che sufficiente. Se per qualche motivo invece, nonostante questi tentativi, dovesse permanere nella bambina una paura particolarmente forte e ingiustificata, solo a quel punto potrebbe valer la pena di contattare uno psicoterapeuta, che con poche sedute, in particolare tramite la tecnica [url=cosa/emdr.html]EMDR[/url], dovrebbe essere in grado di risolvere definitivamente il problema. Cordiali saluti.
Dott. Claudio Sessa Vitali psicologo specializzato in psicoterapia ad indirizzo sistemico relazionale ed E.M.D.R.

Tel. 02-29526852 e Cell. 347-8003203
  1. più di un mese fa
  2. Psicologia
  3. # 1
Risposta accettata Pending Moderation
Buongiorno dottore, sono madre di un bimbo di tre anni. Circa due settimane fa, mentre mio figlio era in piscina di casa, è venuto un vento forte che ha fatto cadere le foglie in piscina e ha fatto cadere lo stendino. A quel punto sono usciti di corsa dall'acqua e sono corsi in casa. Da quel episodio piano piano, ha iniziato ad avere una paura forte del vento (anche solo quando è una leggera brezza) e controlla se gli alberi si muovono, tanto da non voler uscire di casa né andare al parco (che è il suo posto preferito). Non so davvero cosa fare,non so se farlo rimanere all'aperto a forza oppure tenerlo al chiuso. Mi aiuti a risolvere il problema (anche perché il bambino è piccolo). Grazie,saluti
  1. più di un mese fa
  2. Psicologia
  3. # 2
Risposta accettata Pending Moderation
Buongiorno Alice, una cosa che può fare con Suo figlio è raccontargli una storia che ha come protagonista un bimbo che si chiama proprio come lui.
La storia parte positiva descrivendo i bei giochi che fa il bimbo a casa e in piscina. E di come si sente amato, al sicuro e si diverte. Poi succede un imprevisto: un forte temporale in cui cade lo stendino facendo un gran rumore e la piscina si riempie improvvisamente di foglie. Il bimbo si sente comprensibilmente in grande pericolo e si spaventa molto. Ma poi il bimbo si rende conto che per fortuna non è successo niente! Nessuno si è fatto male e non c'è stato nessun danno! Ora lo spavento è passato e il bimbo si sente di nuovo al sicuro. Può capitare altre volte che ci sia il vento, ma ora il bimbo sa che quando c'è vento è molto raro che sia così forte come quella volta in cui ha buttato giù lo stendino. E anche quando è così forte fa molto rumore, ma non c'è alcun pericolo. Il bimbo allora può tornare a giocare sereno, magari pensando di farsi regalare dalla mamma e dal papà un bellissimo aquilone colorato per poter imparare a giocare e divertirsi con il vento.
Poi può eventualmente chiedere a Suo figlio di fare insieme a Lei un disegno che illustri la storia.
Spesso un lavoro di questo genere è sufficiente, se così non fosse Le consiglio di rivolgersi di persona ad un psicoterapeuta EMDR che in poche sedute vi potrà essere di grande aiuto.
Cordiali saluti.
Dott. Claudio Sessa Vitali psicologo specializzato in psicoterapia ad indirizzo sistemico relazionale ed E.M.D.R.

Tel. 02-29526852 e Cell. 347-8003203
  1. più di un mese fa
  2. Psicologia
  3. # 3
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora delle risposte per questo dialogo.
Ospite
La tua risposta

Perchè scegliere noi?

3 buoni motivi per affidarsi allo Studio Kaleidos
 

1. Ascolto

La prima cosa che vi offriremo sarà un sorriso, il desiderio di conoscere la Vostra storia e la voglia di stare ad ascoltarVi fino in fondo.

2. Professionalità

Qui lavorano solo psicologi-psicoterapeuti esperti, aggiornati e appassionati, che seguono scrupolosamente il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani.

3. Efficacia

Conosciamo e usiamo le tecniche più moderne, affidabili e di validità dimostrata per produrre cambiamenti efficaci, profondi e duraturi.

Mettiti in contatto con noi

Contattateci liberamente, saremo felici di sentirvi e darvi tutte le informazioni che desiderate per fissare un eventuale primo appuntamento, ma non forniamo consulenze telefoniche o via email.

Contattaci

Contatta subito lo Studio Kaleidos

Indirizzo

Via Alessandro Stradella, 9
zona Porta Venezia - Milano

Approfondisci

Orari di apertura

Lunedì - Venerdì
9.00 - 19.00
Sabato
10.00 - 19.00

Approfondisci

Costi

€ 120 seduta singola
€ 180 seduta di coppia o familiare

Approfondisci

Contatti

Telefono
02 29526852
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Approfondisci

Ti ringraziamo per essere venuto a trovarci, rimani aggiornato sulle novità di Studio Kaleidos