Apri un dialogo nuovo

  1. maria
  2. Psicologia
  3. Venerdì, 08 Novembre 2013
Gentile dottore, ho 45 anni e sono sposata da un anno con un ragazzo africano di 13 anni più piccolo di me.
Sono consapevole e consenziente che, anche se a lui piaccio e mi vuole bene, il motivo principale per cui ci siamo sposati era per regolarizzarlo. Non ho mai avuto in mente un sogno di matrimonio con il principe azzurro e quasi quasi sono più contenta di sapere che l'ho sposato per aiutarlo, e anche perché gli voglio bene e mi piace molto.
Purtroppo, da dopo il matrimonio noto che si è sentito molto più sicuro della situazione, e si è un po’ "allargato"... Butta l'occhio sulle altre ragazze, cosa che prima non faceva (e tra l'altro lo nega anche davanti alle palesi apparenze). Purtroppo io sono una donna molto gelosa e con una forte componente di controllo e dominio dell'altro, com'era poi l'impronta della mia famiglia. Di conseguenza questo suo atteggiamento mal si accorda con il mio vissuto e con il mio problema.
Ultimamente nell'arco di tre mesi mi ha detto due bugie. Di cui la penultima l'ha confessata in conseguenza dei miei estenuanti interrogatori, ma sull'ultima mantiene il silenzio.
Oggi sono molto triste e depressa. Vorrei allontanarlo ma non riesco. Ne abbiamo parlato, quando ho cercato di mettere in pratica la sua dipartita, cosa che in realtà non si aspettava, quasi piangeva perché non voleva perdermi. Mi ha chiesto pure se poteva telefonarmi quando sarebbe andato via (perché gli ho proposto di andarsene all'estero dai suoi fratelli).
Mi chiedo perché a una persona che soffre e che ha sofferto in ogni relazione di gelosia e fiducia, debba capitargli una cosa del genere, avere a che fare con una persona che lascia nel dubbio la relazione, che dice bugie. Non ho un'esatta percezione di com'era all'inizio. Le mie amiche dicono che magari era così anche nei primi mesi di fidanzamento, ma io "presa dalla persona" non ho voluto vedere... Io non penso sia così, sono una persona che soffre di gelosia ai primi segnali e si ritrae subito se capisce che il soggetto potrà dargli dei problemi di questo tipo. Secondo me all'inizio lui è stato molto attento a comportarsi bene per non farmi cambiare decisione sul matrimonio.
Faccio fatica a prendere una decisione e in questo momento è come se non stessi vivendo, come se fossi sospesa su di una nuvola. Se penso che il suo mentire possa essere in conseguenza del mio comportamento inquisitorio e opprimente, penso di voler cambiare io e salvare questa relazione. Se penso invece che la bugia nasconda un tradimento, vorrei mandarlo via di casa in due minuti. Intanto siccome non ho certezza di quale sia la verità, non riesco a prendere una decisione. Non so che fare, non riesco a pensarmi senza di lui, ma non mi fido più di lui.
Spero in un suo consiglio.
Campi Personalizzati
45
Dott. Claudio Sessa Vitali Risposta accettata Pending Moderation
Gentile Maria,

grazie del Suo messaggio.

Cercare la verità a volte allontana dalla soluzione, perché fa volgere il proprio sguardo più verso il passato che verso il futuro. E poi, chi l’ha detto che ci sia una sola verità? Il mentire di lui può essere considerato sia un tradimento della Sua fiducia, sia una reazione al Suo “comportamento inquisitorio e opprimente”. Non è così importante capire quale di queste due spiegazioni sia più vera, mentre è fondamentale comprendere quale delle due sia più utile. In un caso ci si concentra su lui che mente, nell’altro su Lei che non si fida. Questo secondo aspetto è a mio parere quello più importante, perché è l’unico sul quale Lei può esercitare realmente un controllo. Lei infatti può decidere di modificare il Suo comportamento, non quello del Suo partner.

Concentrandoci ora sulla situazione attuale, io vedo fondamentalmente due possibilità.

1)      Lei può considerare che, indipendentemente dal motivo per cui questo è successo, la fiducia che Lei poteva riporre in lui è definitivamente venuta meno e che non si potrà mai più fidare completamente di lui. In questo caso credo che l’unica possibilità sia separarsi, perché ogni relazione di coppia soddisfacente è fondata sulla fiducia reciproca.

2)      Lei può decidere di concedere un’altra chance alla Vostra relazione. In questo caso, perché le cose possano veramente funzionare, dopo aver ben spiegato al Suo partner quanto per Lei è importante la sincerità, deve impegnarsi a smettere completamente di controllarlo e di fargli domande, fidandosi pienamente di lui. Solo in questo caso, se verrà ancora delusa, saprà che questo non dipende in alcun modo da Lei.

John Lennon scriveva: “Ci sono due forze fondamentali nella vita: paura e amore. Quando abbiamo paura ci ritraiamo dalla vita. Quando siamo innamorati ci apriamo a tutto ciò che la vita ha da offrire.” E aggiungeva poi: “Dobbiamo imparare ad amare noi stessi in primo luogo, in tutto il nostro splendore e nelle nostre imperfezioni. Se non possiamo amare noi stessi, non possiamo completamente aprirci alla nostra capacità di amare gli altri.” Ed è su questo che si concentra il mio lavoro di [url=http://www.studiokaleidos.it/]psicoterapeuta[/url], perchè la sana fiducia negli altri si basa sulla fiducia in sé stessi.

In bocca al lupo!
Dott. Claudio Sessa Vitali psicologo specializzato in psicoterapia ad indirizzo sistemico relazionale ed E.M.D.R.

Tel. 02-29526852 e Cell. 347-8003203
  1. più di un mese fa
  2. Psicologia
  3. # 1
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora delle risposte per questo dialogo.
Ospite
La tua risposta

Perchè scegliere noi?

3 buoni motivi per affidarsi allo Studio Kaleidos
 

1. Ascolto

La prima cosa che vi offriremo sarà un sorriso, il desiderio di conoscere la Vostra storia e la voglia di stare ad ascoltarVi fino in fondo.

2. Professionalità

Qui lavorano solo psicologi-psicoterapeuti esperti, aggiornati e appassionati, che seguono scrupolosamente il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani.

3. Efficacia

Conosciamo e usiamo le tecniche più moderne, affidabili e di validità dimostrata per produrre cambiamenti efficaci, profondi e duraturi.

Mettiti in contatto con noi

Contattateci liberamente, saremo felici di sentirvi e darvi tutte le informazioni che desiderate per fissare un eventuale primo appuntamento, ma non forniamo consulenze telefoniche o via email.

Contattaci

Contatta subito lo Studio Kaleidos

Indirizzo

Via Alessandro Stradella, 9
zona Porta Venezia - Milano

Approfondisci

Orari di apertura

Lunedì - Venerdì
9.00 - 19.00
Sabato
10.00 - 19.00

Approfondisci

Costi

€ 100 incontro individuale
€ 150 incontro di coppia o familiare

Approfondisci

Contatti

Telefono
02 29526852
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Approfondisci

Ti ringraziamo per essere venuto a trovarci, rimani aggiornato sulle novità di Studio Kaleidos