Apri un dialogo nuovo

  1. vittoria
  2. Psicologia
  3. Venerdì, 27 Settembre 2013
Salve, ho un problema che mi tormenta da un po'. Le spiego meglio: sono stata fidanzata per quattro anni con un ragazzo mio coetaneo, però sono sempre stata molto gelosa e per questo stavo male. Avevo mille fisse e pensieri che non mi facevano dormire la notte e a volte, quando litigavamo, addirittura ero io che gli mettevo le mani addosso e avevo vere e proprie crisi nervose.
L'inverno scorso ci siamo lasciati, ma io già avevo conosciuto un uomo molto più grande di me (13 anni di differenza). Ci siamo fidanzati e dopo qualche mese di frequentazione sono andata a vivere con lui. Ero e sono molto innamorata, ma purtroppo un mese fa ci siamo lasciati.
Io sono tornata a casa dei miei dove vivevo prima e lui ha continuato la sua vita.
Quando ero andata a vivere da lui, avevo abbandonato scuola e amici, non avevo un buon rapporto con i miei genitori. Adesso mi ritrovo sola. Qualche volta ci vediamo, ma dentro soffro, sono molto gelosa e so che anche se ci vogliamo bene da amici, lui ha altri progetti, ma non vuole lasciarmi vivere in pace.
Sono molto combattuta, non so cosa fare della mia vita, anche perché non voglio farmi mantenere in eterno dai miei genitori. Il problema principale però è che non riesco più a trovare niente che mi renda felice, perché avevo grandi sogni e immaginavo il mio futuro con lui. Sognavo una famiglia con lui, un uomo sincero, fedele, intelligente, rispettoso e con i miei stessi desideri...
Credo che lui adesso frequenti un'altra ragazza, ma questo pensiero mi uccide. Mi sento ferita e tradita. A volte ho attacchi di ansia e sono sempre di cattivo umore. Mi sento sola.
A volte mangio e bevo per non pensarci, a volte ho lo stomaco chiuso e non riesco a bere nemmeno un po' d'acqua, perché mi viene la nausea. Sto sempre più male. Ultimamente non dormo molto, oppure dormo, ma la notte mi sveglio con il cuore in gola. Spero possa aiutarmi.
Campi Personalizzati
21
Risposta accettata Pending Moderation
Gentile Vittoria,

grazie del Suo messaggio.

Credo di poter comprendere il dolore che prova: Lei ha investito tantissimo in questa relazione e ora che si trova senza quest’uomo, è come se avesse perso anche sé stessa. Infatti non ha perso solo lui, ma anche il Suo futuro immaginato e sognato insieme a lui, così che ora tutto sembra senza senso.

L’impressione dall’esterno è però che la vostra relazione non sia più una questione di amore, ma di dipendenza affettiva, in cui l’altra persona non è più un nutrimento, ma una droga che non fa che indebolirla.

Questo può succedere quando si è cercato un partner con cui costruire una relazione senza prima essere riusciti a mettersi veramente in ascolto di sé stessi, con il rischio di idealizzare l’altro cercando in lui (o in lei) un modo per riempire propri vuoti.

Lei, Vittoria, sta ora attraversando un momento di grande crisi e sconforto, che potrebbe però trasformarsi in un’occasione per tornare ad investire su sé stessa e iniziare una nuova vita. Perché ciò avvenga, è necessario accettare di vivere fino in fondo il Suo dolore e decidere di voltare realmente pagina. Questo significa scegliere di non incontrarlo e non sentirlo più, perché è evidente che questi incontri ormai non fanno che prolungare la Sua sofferenza.

Quando una storia finisce è infatti necessario potersi lasciare alle spalle il passato, partire ed affrontare una traversata nel deserto che permetta finalmente di giungere ad una situazione differente. Bisogna riuscire a tollerare questo vuoto per creare spazio per cose nuove!

Un aiuto per farlo, sentendosi meno sola, potrebbe essere cercare nuovi compagni di viaggio con cui condividere questa “traversata nel deserto”; su internet trova molti forum che raggruppano persone che stanno vivendo un’esperienza simile alla Sua, con cui potersi confrontare e condividere emozioni, pensieri, fatiche e successi.

Un altro aiuto potrebbe essere avvalersi della guida di un [url=chi/chi-siamo.html]bravo psicologo[/url], che avendo già percorso molte volte quello stesso viaggio con altri "pellegrini", conosca bene insidie e opportunità lungo il cammino e soprattutto La possa aiutare a trovare dentro di sé tutte le risorse ed energie necessarie.

Qualunque modo trovi, l’importante è che Lei decida di partire oggi stesso per un nuovo viaggio.

In bocca al lupo!
Dott. Claudio Sessa Vitali psicologo specializzato in psicoterapia ad indirizzo sistemico relazionale ed E.M.D.R.

Tel. 02-29526852 e Cell. 347-8003203
  1. più di un mese fa
  2. Psicologia
  3. # 1
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora delle risposte per questo dialogo.
Ospite
La tua risposta

Perchè scegliere noi?

3 buoni motivi per affidarsi allo Studio Kaleidos
 

1. Ascolto

La prima cosa che vi offriremo sarà un sorriso, il desiderio di conoscere la Vostra storia e la voglia di stare ad ascoltarVi fino in fondo.

2. Professionalità

Qui lavorano solo psicologi-psicoterapeuti esperti, aggiornati e appassionati, che seguono scrupolosamente il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani.

3. Efficacia

Conosciamo e usiamo le tecniche più moderne, affidabili e di validità dimostrata per produrre cambiamenti efficaci, profondi e duraturi.

Mettiti in contatto con noi

Contattateci liberamente, saremo felici di sentirvi e darvi tutte le informazioni che desiderate per fissare un eventuale primo appuntamento, ma non forniamo consulenze telefoniche o via email.

Contattaci

Contatta subito lo Studio Kaleidos

Indirizzo

Via Alessandro Stradella, 9
zona Porta Venezia - Milano

Approfondisci

Orari di apertura

Lunedì - Venerdì
9.00 - 19.00
Sabato
10.00 - 19.00

Approfondisci

Costi

€ 100 incontro individuale
€ 150 incontro di coppia o familiare

Approfondisci

Contatti

Telefono
02 29526852
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Approfondisci

Ti ringraziamo per essere venuto a trovarci, rimani aggiornato sulle novità di Studio Kaleidos