Apri un dialogo nuovo

  1. e-mail
  2. Psicologia
  3. Martedì, 16 Aprile 2013
Buongiorno, mi chiamo Lidia, ho 49 anni. Sono cresciuta in una famiglia di 10 persone e non ho ricordi belli che riguardano la mia famiglia. Mia mamma ha un carattere forte e duro che ha trasmesso anche a noi figli ed è completamente mancato l’amore fraterno. Un po’ per il mio carattere, un po’ perché ero la più piccola, ho subito prepotenze dai più grandi. Io ho sempre subito invece di ribellarmi, anche perché non avrei saputo a chi rivolgermi. Mio padre lavorava per mantenerci tutti, quindi non me la son mai sentita di rivolgermi a lui. In più mia madre brontolava sempre; non usava violenza fisica, ma riusciva ugualmente a farmi paura. Io ho cercato di “far la brava", di “non fare la spia" e di essere “disponibile”, ma ciò che ho ottenuto è stato solo mancanza di rispetto, ulteriori pretese e mai un riconoscimento. Il fatto è che ancora adesso mi trovo con persone che si approfittano di me… E’ come se per farmi volere bene io debba essere sempre una vittima! Mi piacerebbe avere un consiglio diverso, è chiaro che devo cambiare il mio atteggiamento, ma è come si mi facessi un torto… va contro la mia natura! Non riesco a trovare una via di mezzo! Voi cosa ne pensate? Grazie!

Lidia (49 anni)
Dott. Claudio Sessa Vitali Risposta accettata Pending Moderation
Buongiorno Lidia e grazie della Sua mail.
Leggendola mi è venuta in mente una storiella di Anthony De Mello che Le voglio raccontare.
Una signora cucinava ogni anno per il giorno del ringraziamento (una festa molto sentita in America) un magnifico tacchino al forno, utilizzando la ricetta tradizionale appresa fin da quando era piccola, che prevedeva di togliere una coscia del tacchino prima di cuocerlo in una grossa teglia.
Questo piatto riscuoteva un grande successo in famiglia, tanto che anche la figlia crescendo chiese alla mamma di insegnarle la ricetta e in questa occasione domandò perché andasse tolta una coscia al tacchino prima di cucinarlo in forno. La mamma non seppe rispondere, disse semplicemente che si era sempre fatto così e quella era la procedura da seguire. La figlia non si accontentò di quella risposta e volle porre la stessa domanda anche alla nonna, da cui la mamma aveva imparato la ricetta. La nonna sorrise e spiegò che, molto semplicemente, quando lei cucinava il tacchino, molti anni prima, non aveva a disposizione una teglia abbastanza grande per contenerlo intero e quindi era costretta a togliere una coscia per cuocerlo. Ora che le pentole e il forno a disposizione erano più grandi, non c’era chiaramente più alcun motivo per staccare la coscia!
Spesso anche noi ci comportiamo così e continuiamo ad agire nel presente nello stesso identico modo che abbiamo appreso in passato, anche se non è più necessario e ora avremmo molte possibilità in più. E’ per questo che chi è stato maltrattato da piccolo è più facile che si possa circondare di persone che lo trattino male anche da grande, chi ha avuto un familiare affetto da alcolismo è più probabile possa sviluppare una dipendenza dall’alcool o possa costruire una relazione di coppia con un alcolista, e così via. In pratica l’essere umano cerca soprattutto delle conferme al proprio modo di concepire se stesso e di relazionarsi agli altri e al mondo, non delle smentite, e tende quindi, senza rendersene conto, a costruirsi situazioni per molti versi simili a quelle che ha già vissuto.
Per rompere un circolo vizioso di questo tipo una psicoterapia può risultare veramente utile: acquisire maggior consapevolezza di questi meccanismi permette infatti di aprirsi a molte più possibilità di scelta. Ed è a questo, a mio parere, che alla fine serve una psicoterapia: ad acquisire più libertà!
In bocca al lupo.
Dott. Claudio Sessa Vitali psicologo specializzato in psicoterapia ad indirizzo sistemico relazionale ed E.M.D.R.

Tel. 02-29526852 e Cell. 347-8003203
  1. più di un mese fa
  2. Psicologia
  3. # 1
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora delle risposte per questo dialogo.
Ospite
La tua risposta

Perchè scegliere noi?

3 buoni motivi per affidarsi allo Studio Kaleidos
 

1. Ascolto

La prima cosa che vi offriremo sarà un sorriso, il desiderio di conoscere la Vostra storia e la voglia di stare ad ascoltarVi fino in fondo.

2. Professionalità

Qui lavorano solo psicologi-psicoterapeuti esperti, aggiornati e appassionati, che seguono scrupolosamente il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani.

3. Efficacia

Conosciamo e usiamo le tecniche più moderne, affidabili e di validità dimostrata per produrre cambiamenti efficaci, profondi e duraturi.

Mettiti in contatto con noi

Contattateci liberamente, saremo felici di sentirvi e darvi tutte le informazioni che desiderate per fissare un eventuale primo appuntamento, ma non forniamo consulenze telefoniche o via email.

Contattaci

Contatta subito lo Studio Kaleidos

Indirizzo

Via Alessandro Stradella, 9
zona Porta Venezia - Milano

Approfondisci

Orari di apertura

Lunedì - Venerdì
9.00 - 19.00
Sabato
10.00 - 19.00

Approfondisci

Costi

€ 100 incontro individuale
€ 150 incontro di coppia o familiare

Approfondisci

Contatti

Telefono
02 29526852
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Approfondisci

Ti ringraziamo per essere venuto a trovarci, rimani aggiornato sulle novità di Studio Kaleidos