Apri un dialogo nuovo

  1. e-mail
  2. Sherlock Holmes
  3. Psicologia
  4. Martedì, 16 Aprile 2013
Buongiorno,
Le scrivo perché ho le idee molto confuse e credo che un parere professionale mi sarebbe d’aiuto.
Il problema fondamentale col quale mi ritrovo a lottare da alcuni anni è la mia totale incapacità di costruirmi un equilibrio che sia stabile. Riesco ad avere periodi felici e di serenità, ma sono troppo spesso e troppo a lungo sostituiti da periodi di ansia e depressione. Evidentemente c’è qualcosa di radicato nella mia testa che può solo essere momentaneamente sedato, ma che prima o poi ritorna: le mie fobie si ripresentano sotto altre forme, gli stati d’ansia, i momenti di apatia, il fatto di dimagrire riappaiono ciclicamente.
Il problema maggiore è che quando dico di stare male nessuno mi crede: le persone non si rendono conto della mia situazione e dopo poco tempo si stufano di starmi a sentire, si disinteressano totalmente o peggio si arrabbiano. Posso anche accettare di non essere una persona degna di interesse da parte degli altri, non pretendo per forza di essere capita o aiutata, ma almeno non mi si dica che devo essere contenta. Mi sembra che gli altri cerchino solo di farmi sentire in colpa per i momenti in cui non sono simpatica e brillante.
L’unica cosa che io vorrei è il mio pezzettino di diritto a stare male, cosa che mi è mancata molto nella mia vita. I miei problemi non sono mai stati considerati importanti, nel senso che nessuno ha mai visto motivi per cui io avrei potuto essere infelice. Per gli altri sono sempre stata troppo bella, brava e fortunata per avere problemi. Io credo invece che ognuno abbia diritto alla propria sofferenza, per quanto dall’esterno possano sembrarne sciocche le motivazioni.
L’unica possibilità che vedo è “chiudermi nel mio mondo” e fingere il più possibile che sia tutto a posto, ma anche quando faccio così questo mi viene rimproverato. Risultato: io sto sempre peggio e non so davvero più come affrontare la situazione.
Come dicevo all’inizio, ho le idee molto confuse. Non so nemmeno io di cosa ho bisogno: se di avere vicino qualcuno che mi voglia bene e si sforzi di comprendermi, se di essere lasciata in pace dal mondo intero perché la totale solitudine è l’unica condizione possibile in cui io possa sopravvivere, se di essere solo un po’ più forte e indifferente al mondo, o se invece ho bisogno di affrontare con una psicoterapia i miei problemi.
Purtroppo negli ultimi mesi le crisi di ansia si sono anche aggravate, dandomi anche sintomi fisici e gettandomi nella impossibilità di avere un controllo razionale su me stessa e togliendomi ogni capacità di reazione. Scusandomi per essermi dilungata, La ringrazio per l’attenzione. Cordiali saluti.

Daria (24 anni)
Risposta accettata Pending Moderation
Gentile Daria,

grazie della Sua mail. Anche Lei, come tutti, ha diritto a soffrire… e ad essere felice.
Ritengo che Lei abbia pienamente diritto a soffrire perché per ciascuno di noi ciò che ci fa stare male o bene è estremamente soggettivo: ci sono persone che nonostante abbiano vissuto catastrofi terribili (guerre, terremoti e così via) riescono a vivere una vita serena e soddisfacente, altre persone che apparentemente hanno tutto (belle, ricche e famose), ma che arrivano a stare talmente male da togliersi la vita. Ciò che ci fa stare più male, infatti, non sono le cose che accadono in sé, ma il modo in cui noi le viviamo, che è unico e personale per ciascuno. Il dolore può quindi essere veramente capito solo da chi lo prova e merita per questo sempre un grande rispetto.
Lei parla di un “equilibrio stabile” da raggiungere, ma io credo che ciò a cui un essere umano può aspirare sia soprattutto un “equilibrio dinamico”, che continua a cambiare nel corso del tempo, simile a quello di un equilibrista che solo grazie a continui aggiustamenti del bilanciere riesce a mantenersi sospeso sulla fune (se cercasse di rimanere fermo cadrebbe!). Per questo motivo penso che i suoi ricorrenti periodi di malessere non vadano visti come un problema in sé, ma come un segnale che viene dalla Sua parte più istintiva e Le indica che il “controllo razionale su se stessa” da solo non basta più ed è necessario trovare un differente equilibrio nella Sua vita. Sono convinto che una psicoterapia potrebbe fornirle uno spazio adatto, senza pregiudizi a priori, per far dialogare fra loro pensieri e sensazioni e far emergere una nuova, più profonda armonia. In bocca al lupo!
Dott. Claudio Sessa Vitali psicologo specializzato in psicoterapia ad indirizzo sistemico relazionale ed E.M.D.R.

Tel. 02-29526852 e Cell. 347-8003203
  1. più di un mese fa
  2. Psicologia
  3. # 1
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora delle risposte per questo dialogo.
Ospite
La tua risposta

Perchè scegliere noi?

3 buoni motivi per affidarsi allo Studio Kaleidos
 

1. Ascolto

La prima cosa che vi offriremo sarà un sorriso, il desiderio di conoscere la Vostra storia e la voglia di stare ad ascoltarVi fino in fondo.

2. Professionalità

Qui lavorano solo psicologi-psicoterapeuti esperti, aggiornati e appassionati, che seguono scrupolosamente il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani.

3. Efficacia

Conosciamo e usiamo le tecniche più moderne, affidabili e di validità dimostrata per produrre cambiamenti efficaci, profondi e duraturi.

Mettiti in contatto con noi

Contattateci liberamente, saremo felici di sentirvi e darvi tutte le informazioni che desiderate per fissare un eventuale primo appuntamento, ma non forniamo consulenze telefoniche o via email.

Contattaci

Contatta subito lo Studio Kaleidos

Indirizzo

Via Alessandro Stradella, 9
zona Porta Venezia - Milano

Approfondisci

Orari di apertura

Lunedì - Venerdì
9.00 - 19.00
Sabato
10.00 - 19.00

Approfondisci

Costi

€ 100 incontro individuale
€ 150 incontro di coppia o familiare

Approfondisci

Contatti

Telefono
02 29526852
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Approfondisci

Ti ringraziamo per essere venuto a trovarci, rimani aggiornato sulle novità di Studio Kaleidos