Apri un dialogo nuovo

  1. e-mail
  2. Sherlock Holmes
  3. Psicologia
  4. Martedì, 16 Aprile 2013
Caro Dottore,

sono una ragazza di 20 anni e da 4 anni sono insieme ad un ragazzo che conosco da quando avevo 10 anni. Noi abitavamo entrambi a Milano, ma da quando ci siamo fidanzati lui si è dovuto trasferire a Verona per motivi familiari. Lui scrive canzoni e spesso fa delle serate dove canta.
6 mesi fa ho scoperto che una sera è venuto a cantare proprio a Milano senza avermi detto niente: si è presentato a casa mia il giorno dopo dicendo di avermi fatto una sorpresa... Dopo una grande litigata ci siamo chiariti: lui mi ha detto che quelle serate, essendo di stile rap, non sono un posto sicuro e avrebbe dovuto stare tutta la serata vicino a me per proteggermi, invece che potersi concentrare bene sul suo lavoro (perché quando canta nei locali tutta l'attrezzatura la deve preparare lui).
Il problema è che da quella sera non riesco più a fidarmi totalmente di lui. Ogni giorno che passa divento sempre più ansiosa e soprattutto sto cominciando a controllarlo, una cosa orribile secondo me, ma non riesco a non farlo. Lui sa di essere controllato e adesso sta cominciando a stufarsi...
In questo momento siamo in crisi proprio per questo fatto, infatti ora si sente oppresso e legato, visto che purtroppo questa cosa va avanti da un po’ non ce la fa più...
Abbiamo cercato varie volte di risolvere questo mio problema, ma sembra più forte di me, e ogni volta che lo vedo organizzarsi per queste serate, soprattutto se lo fa con una ragazza, io impazzisco! Ora lui non sa se chiudere la nostra relazione, dice che non ce la fa proprio più. Ci tengo tantissimo a lui e non vorrei perderlo. So anche che ha ragione, vorrei tanto smettere di controllarlo e di fare scenate di gelosia, ma non so come fare... Spero Lei riesca a darmi qualche consiglio.

Cordiali saluti

Debora (20 anni)
Risposta accettata Pending Moderation
Gentile Debora,

ho conosciuto una volta una ragazza che aveva un problema simile al Suo e continuava a tormentare il proprio ragazzo perché proprio non riusciva ad avere fiducia in lui.
Questa ragazza non passava un istante lontana dal suo fidanzato senza chiedersi con chi era lui e che cosa stesse facendo: questo pensiero la assillava continuamente.
Aveva iniziato ad osservare con cura ogni atteggiamento di lui, a prestare attenzione ad ogni sua battuta, a notare ogni sua inflessione della voce in cerca di indizi rivelatori. E siccome non le bastava, continuava ad assillarlo con mille domande; ma più lui rispondeva, più lei sentiva la necessità di approfondire ogni dettaglio e, anche alla fine, le rimaneva sempre il dubbio che ci fosse qualcosa che le era sfuggito. Per questo alcune volte lo seguiva di nascosto, altre cercava di guardare il suo cellulare quando lui lo lasciava incustodito, altre ancora tentava di entrare nella sua posta elettronica…
Un bel giorno lui, che pure l’amava tantissimo, arrivò ad essere talmente esasperato da questi comportamenti che si domandò se non fosse veramente il caso di lasciarsi. Quindi disse a lei che aveva bisogno di una settimana da solo per riflettere e se ne andò a fare trekking in montagna, lontano dalla civiltà. Lei cercò in tutti i modi di farlo desistere, provò a sedurlo e a minacciarlo, disse e fece di tutto, ma non ci fu verso di dissuaderlo e lui partì.
Nell’impossibilità di contattarlo, la ragazza si sentì completamente disperata, pensando che probabilmente questa era la conferma che lui era veramente interessato a qualcun'altra. Chissà poi chi avrebbe potuto incontrare in questa settimana?! Così la fanciulla pianse ininterrottamente tre giorni e tre notti… Poi capì che stava troppo male e che doveva fare qualcosa per distrarsi.
Iniziò faticosamente leggendo un bel romanzo che aveva comprato anni prima, ma non aveva poi mai trovato il tempo per sfogliarlo: le piacque. A quel punto decise di andare in palestra per sfogarsi, cosa che non faceva da mesi. Poi le venne fame e si cucinò un bel pranzetto, sano e stuzzicante. A quel punto telefonò ad alcune amiche che non sentiva da un pezzo, e riscoprì il piacere di chiacchierare con loro.
Nei giorni successivi provò a sistemarsi i capelli in un modo diverso, che le stava molto bene. Comprò una bellissima maglietta nuova e trovò nel fondo di un cassetto un paio di suoi vecchi orecchini che lucidò con cura.
Ad un certo punto scoprì con grande sorpresa che erano passate diverse ore senza che lei pensasse più con chi fosse il suo ragazzo e cosa stesse facendo. Come era possibile? Si guardò allo specchio, con i capelli ben sistemati, gli orecchini scintillanti, la maglietta nuova indosso e improvvisamente un grande sorriso le illuminò il volto. Solo ora l’aveva capito! Quello che prima le mancava non era la fiducia nel suo ragazzo, ma la fiducia in sé stessa.
In bocca al lupo!
Dott. Claudio Sessa Vitali psicologo specializzato in psicoterapia ad indirizzo sistemico relazionale ed E.M.D.R.

Tel. 02-29526852 e Cell. 347-8003203
  1. più di un mese fa
  2. Psicologia
  3. # 1
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora delle risposte per questo dialogo.
Ospite
La tua risposta

Perchè scegliere noi?

3 buoni motivi per affidarsi allo Studio Kaleidos
 

1. Ascolto

La prima cosa che vi offriremo sarà un sorriso, il desiderio di conoscere la Vostra storia e la voglia di stare ad ascoltarVi fino in fondo.

2. Professionalità

Qui lavorano solo psicologi-psicoterapeuti esperti, aggiornati e appassionati, che seguono scrupolosamente il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani.

3. Efficacia

Conosciamo e usiamo le tecniche più moderne, affidabili e di validità dimostrata per produrre cambiamenti efficaci, profondi e duraturi.

Mettiti in contatto con noi

Contattateci liberamente, saremo felici di sentirvi e darvi tutte le informazioni che desiderate per fissare un eventuale primo appuntamento, ma non forniamo consulenze telefoniche o via email.

Contattaci

Contatta subito lo Studio Kaleidos

Indirizzo

Via Alessandro Stradella, 9
zona Porta Venezia - Milano

Approfondisci

Orari di apertura

Lunedì - Venerdì
9.00 - 19.00
Sabato
10.00 - 19.00

Approfondisci

Costi

€ 100 incontro individuale
€ 150 incontro di coppia o familiare

Approfondisci

Contatti

Telefono
02 29526852
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Approfondisci

Ti ringraziamo per essere venuto a trovarci, rimani aggiornato sulle novità di Studio Kaleidos