Apri un dialogo nuovo

  Giovedì, 14 Ottobre 2021
  1 Replies
  45 Visits
Buongiorno,
ormai da due mesi mi frequento con un ragazzo, con cui posso dire di trovarmi molto bene. Se in un primo momento tutto é iniziato per curiosità, senza aspettative, con il passare del tempo ho iniziato ad affezionarmi e con l'affetto sono arrivate anche le paure.
Vivo costantemente situazioni di ansia, che mi inducono a pensare che ci sia qualcosa che tra di noi non va, che potrei non piacergli ecc., tanto che nei momenti più critici ho persino pensato che se fossi rimasta nella mia confort zone e non avessi intrapreso tale relazione non avrei sofferto.
Le mie ansie si materializzano nei momenti in cui non siamo insieme: nei suoi messaggi cerco di cogliere sfumature che, come mi é stato fatto notare da chi mi sta intorno, non ci sono, quasi come se cercassi a tutti i costi qualcosa che non va.
La situazione cambia radicalmente quando poi stiamo insieme: in quei momenti infatti tutte le ansie spariscono, vivo momenti semplici e bellissimi, in cui mi sento davvero bene.
Ho più volte pensato a che cosa potesse scatenare in me questo comportamento, dal momento che nelle mie precedenti relazioni non ho mai sofferto ed ho probabilmente individuato la causa del mio malessere in un evento che é capitato circa un anno fa, quando ho scoperto che mio zio aveva una doppia vita e per anni aveva agito a scapito mio e dei miei familiari.
Questo fatto é stato per me motivo di grande sofferenza ed il fatto di aver compreso che per anni ho voluto bene ad una persona che in realtà non ne voleva a me, mi porta spesso ad avere paura di soffrire di nuovo.
Temo che queste mie ansie possano precludermi di vivere con gioia ciò che di bello sta accadendo e al contempo possano piuttosto influenzare negativamente il mio rapporto.
Mi chiedo dunque come agire.
Cordiali saluti
L.
Buongiorno Ludovica, grazie del Suo messaggio.
Da quanto scrive, finché era una frequentazione senza aspettative tutto andava bene, nel momento in cui ha iniziato ad affezionarsi a lui sono sorte ansie e paure. Quando state insieme sta davvero bene, ma quando siete a distanza viene assalita da mille incertezze e timori. I dubbi sembrano riguardare in particolare quanto Lei si possa fidare delle proprie percezioni e di questa relazione.
Il collegamento che ha fatto spontaneamente fra le Sue attuali insicurezze e l’evento traumatico che ha vissuto un anno fa, quando ha scoperto la doppia vita di Suo zio, sembra poter essere molto significativo. Dopo che si è sentita così profondamente tradita nella fiducia che aveva riposto nello zio è verosimile che faccia molta fatica a fidarsi in una altra relazione affettiva significativa e che possano emergere insicurezze.
Cosa fare? Le suggerisco tre possibili passi da compiere, più un quarto opzionale.
Il primo è iniziare a chiarire dentro di sé, almeno a livello cognitivo, che lo zio e il ragazzo che sta iniziando a frequentare sono due persone completamente diverse, stilando un elenco scritto di tutti gli aspetti in cui sono completamente differenti: età, aspetto fisico, gusti di cibo piuttosto che di musica, carattere, ecc. Faccia un lungo elenco dettagliato includendo anche i dettagli più banali, sembra un esercizio sciocco e scontato, ma penso che potrebbe esserle veramente utile.
Il secondo è trovare modo, se non l’ha già fatto, di dire a Suo zio quanto questa scoperta l’abbia ferita e delusa e come Lei l’ha vissuta. Lo può fare parlandogli di persona, scrivendogli una lettera o, se lo reputa più opportuno, anche semplicemente scrivendo questa cosa su una sorta di pagina di diario da tenere esclusivamente per sé, ma in cui esplicitare tutto ciò che sente e pensa al riguardo.
Terzo, parli con il ragazzo che frequenta, gli spieghi quello che è accaduto con lo zio e di come in questo momento, transitoriamente, abbia bisogno di sentirsi un po’ rassicurata nella Vostra relazione per potersi fidare e goderne appieno.
Infine, se questo non è sufficiente, poche sedute con uno psicoterapeuta (possibilmente che usi l’approccio EMDR, a mio parere il più utile in una situazione di questo tipo) possono aiutarla con grande efficacia a lasciarsi definitivamente alle spalle lo shock subito e tornare a gustarsi pienamente la Sua vita e la Sua relazione.
In bocca al lupo!
  • Pagina :
  • 1
Non ci sono ancora delle risposte per questo dialogo.
La tua risposta

Perchè scegliere noi?

3 buoni motivi per affidarsi allo Studio Kaleidos
 

1. Ascolto

La prima cosa che vi offriremo sarà un sorriso, il desiderio di conoscere la Vostra storia e la voglia di stare ad ascoltarVi fino in fondo.

2. Professionalità

Qui lavorano solo psicologi-psicoterapeuti esperti, aggiornati e appassionati, che seguono scrupolosamente il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani.

3. Efficacia

Conosciamo e usiamo le tecniche più moderne, affidabili e di validità dimostrata per produrre cambiamenti efficaci, profondi e duraturi.

Mettiti in contatto con noi

Contattateci liberamente, saremo felici di sentirvi e darvi tutte le informazioni che desiderate per fissare un eventuale primo appuntamento, ma non forniamo consulenze telefoniche o via email.

Contattaci

Contatta subito lo Studio Kaleidos

Indirizzo

Via Alessandro Stradella, 9
zona Porta Venezia - Milano

Approfondisci

Orari di apertura

Lunedì - Venerdì
9.00 - 19.00
Sabato
10.00 - 19.00

Approfondisci

Costi

€ 120 seduta singola
€ 180 seduta di coppia o familiare

Approfondisci

Contatti

Telefono
02 29526852
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Approfondisci

Ti ringraziamo per essere venuto a trovarci, rimani aggiornato sulle novità di Studio Kaleidos