Apri un dialogo nuovo

  1. e-mail
  2. Psicologia
  3. Martedì, 16 Aprile 2013
Salve,
io e mio marito dopo 10 anni di matrimonio stiamo vivendo un periodo di crisi. Durante la nostra relazione abbiamo sempre avuto seri problemi economici, che penso abbiano contribuito a minare il nostro rapporto. Quando ci siamo sposati, mio marito aveva appena aperto un negozio e da allora non e' ancora riuscito a pagare i prestiti contratti per avviare la sua attività e per questo non ha mai potuto contribuire alle spese di casa. Abbiamo un figlio di 7 anni che lui adora. Le cose tra noi andavano bene perché c'era l'amore, a parte alcuni periodi di crisi legati alla sua forte insoddisfazione nel lavoro, nel quale si sente un fallito.
A ottobre però ho scoperto che mio marito aveva una relazione extraconiugale. (…) Lui mi ha confessato che erano circa 4 anni che sentiva che qualcosa nei miei confronti era cambiato e che forse proprio questo era stata la causa del suo avvicinamento a quella persona. Io riflettendo ho capito che lui aveva amato quella ragazza nella quale aveva trovato una persona con cui riusciva a fuggire dai propri problemi, in quanto lei ne aveva altri più grandi e lui riusciva a sentirsi utile. (…) Mi ha chiesto se ero disposta ad aspettare continuando a vivere insieme perché lui potesse guardarsi dentro per ritrovare se stesso e capire il motivo per cui si era allontanato da me, al fine di potere prendere una decisione riguardo alla nostra relazione, pur sapendo che nel frattempo io avrei potuto cambiare idea nei suoi confronti. Gli ho fatto credere di avere conosciuto una persona interessata a me e di esserci uscita insieme un paio di volte e lui mi ha detto che questa cosa lo faceva stare male, ma che non si sentiva nella posizione di potermi dire qualcosa o di fermarmi proprio perché in questo momento non mi poteva ancora promettere nulla...
Io ho deciso di cercare con tutte le mie forze di recuperare il nostro rapporto, non voglio che mio figlio soffra di questa situazione e non ne ho fatto parola neanche con i miei genitori che vivono vicini a noi. Sono passati 2 mesi e da allora mio marito si e' un po' ripreso dallo stato depressivo in cui era caduto, ha ricominciato a mangiare e ha ripreso qualche chilo e adesso riesce anche a dormire, ma ancora non riesce ad avere un rapporto fisico con me e neanche a baciarmi. (…) A luglio mio figlio andrà in vacanza con la nonna per un mese e non so se sia o meno il caso di chiedergli di allontanarci in quel periodo per aiutarlo a capire. E poi faccio bene a cercare di farlo ingelosire? Attendo con ansia un Suo consiglio su come comportarmi. Grazie!!!

Amalia (45 anni)
Dott. Claudio Sessa Vitali Risposta accettata Pending Moderation
Gentile Amalia,
grazie della Sua lunga mail. Mi pare che Lei descriva la Vostra relazione matrimoniale come tutta centrata sui problemi e dubbi di Suo marito. E’ lui che ha contratto debiti e si sente fallito sul lavoro, che La ha tradita e ha percepito che qualcosa nei Suoi confronti era cambiato, che ha chiesto un periodo di riflessione e ora non accetta nessun contatto fisico. Lei è incerta se fa bene a cercare di farlo ingelosire e se è il caso di allontanarvi per un mese per aiutare lui a capire. Io credo che per cercare di ricostruire la Vostra relazione di coppia sia importante che anche Lei si metta personalmente in gioco e si guardi dentro.
Poiché scrive che le difficoltà economiche hanno contribuito a minare il Vostro rapporto, sarebbe innanzitutto importante approfondire in che modo Lei ha condiviso le scelte lavorative di Suo marito e come ha reagito alle conseguenti difficoltà di bilancio familiare, per capire se con il Suo comportamento potrebbe aver contribuito in qualche modo a farlo sentire un fallito. Bisognerebbe poi soffermarsi a considerare meglio che cosa è accaduto esattamente fra voi due 4 anni fa, momento a cui Suo marito fa risalire l’inizio di questo periodo di crisi. Infine può essere utile riflettere su che reazioni emotive ha provocato in Lei il tradimento di Suo marito e quali sono ora i sentimenti che prova nei suoi confronti. Le crisi possono essere delle preziose occasioni per trovare un nuovo equilibrio di coppia, ma se rimane semplicemente in attesa di una decisione di lui, Lei rischia di sprecare questa opportunità. Sarebbe un peccato, per Voi e anche per Vostro figlio. In bocca al lupo!
Dott. Claudio Sessa Vitali psicologo specializzato in psicoterapia ad indirizzo sistemico relazionale ed E.M.D.R.

Tel. 02-29526852 e Cell. 347-8003203
  1. più di un mese fa
  2. Psicologia
  3. # 1
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora delle risposte per questo dialogo.
Ospite
La tua risposta

Perchè scegliere noi?

3 buoni motivi per affidarsi allo Studio Kaleidos
 

1. Ascolto

La prima cosa che vi offriremo sarà un sorriso, il desiderio di conoscere la Vostra storia e la voglia di stare ad ascoltarVi fino in fondo.

2. Professionalità

Qui lavorano solo psicologi-psicoterapeuti esperti, aggiornati e appassionati, che seguono scrupolosamente il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani.

3. Efficacia

Conosciamo e usiamo le tecniche più moderne, affidabili e di validità dimostrata per produrre cambiamenti efficaci, profondi e duraturi.

Mettiti in contatto con noi

Contattateci liberamente, saremo felici di sentirvi e darvi tutte le informazioni che desiderate per fissare un eventuale primo appuntamento, ma non forniamo consulenze telefoniche o via email.

Contattaci

Contatta subito lo Studio Kaleidos

Indirizzo

Via Alessandro Stradella, 9
zona Porta Venezia - Milano

Approfondisci

Orari di apertura

Lunedì - Venerdì
9.00 - 19.00
Sabato
10.00 - 19.00

Approfondisci

Costi

€ 100 incontro individuale
€ 150 incontro di coppia o familiare

Approfondisci

Contatti

Telefono
02 29526852
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Approfondisci

Ti ringraziamo per essere venuto a trovarci, rimani aggiornato sulle novità di Studio Kaleidos