Apri un dialogo nuovo

  1. Viola
  2. Psicologia
  3. Giovedì, 09 Luglio 2020
Salve, il mio ragazzo mi ha lasciato circa 2 mesi fa dopo 2 anni, 2 anni bellissimi in cui avevamo un giusto equilibrio. Non si litigava sempre, ma quando accadeva siamo sempre riusciti ad avere un dialogo costruttivo e risolvere il problema tranquillamente.
Durante la pandemia ha iniziato ad avvertire questa ansia da relazione dove lui ha iniziato a sentirsi emotivamente distaccato ed è andato in paranoia per tutto quello che stava accadendo. Ha allontanato me e tutte le persone che gli stavano intorno. Non vede più il suo futuro e non lo vede più nemmeno con me.
Lui tiene tantissimo a me e sono l’unica persona che gli può stare affianco, l’unica donna adatta a lui, ma ecco però mi ha lasciata. Ora sto avendo problemi di salute e lui mi è molto vicino, mi accompagna a fare visite e si fa sentire molto, è molto affettuoso e addirittura mi ha anche baciato, cosa che non aveva fatto più.
Io sono in paranoia, non so che pensare, non so se aspettarlo “fingendomi” amica con la speranza che quando le cose andranno meglio lui cambierà idea.
Tengo tanto anche io a lui e vorrei cercare di salvare questa relazione in tutti i modi.
Vorrei un consiglio...
Campi Personalizzati
33
Risposta accettata Pending Moderation
Buongiorno Viola, comprendo la Sua fatica e confusione, rispetto ai segnali in parte contrastanti ricevuti.
Da quanto scrive, sembra però che lui, nonostante alcune incertezze e ambivalenze, abbia sostanzialmente deciso di separarsi da Lei.
Purtroppo Lei non può sostituirsi a lui nelle sue scelte, ma può agire solo su sé stessa, per esempio, chiedendosi: cosa posso imparare su di me da questa esperienza? Come posso far sì che questo dolore invece di abbattermi e farmi perdere fiducia in me stessa, mi aiuti a diventare una persona ancora migliore e più forte?
In bocca al lupo!
Dott. Claudio Sessa Vitali psicologo specializzato in psicoterapia ad indirizzo sistemico relazionale ed E.M.D.R.

Tel. 02-29526852 e Cell. 347-8003203
  1. 2 settimane fa
  2. Psicologia
  3. # 1
Risposta accettata Pending Moderation
Intanto la ringrazio per la Sua disponibilità.
In tutto questo tempo ci eravamo riavvicinati un po’, lui mi è stato molto vicino, mi accompagnava a fare le visite e qualsiasi cosa avevo bisogno lui c’era. Ci eravamo detti di viverci serenamente questo periodo e senza pensare troppo al futuro, nel frattempo abbiamo anche passato del tempo insieme.
Una volta che abbiamo capito che i miei problemi di salute erano risolvibili con poco, lui ha iniziato a cambiare dicendomi che ora dovevamo iniziare a badare di più a noi stessi e aggiustarci le nostre vite da soli, che non vuole tornare a fare il fidanzato e che non prova più le stesse cose di prima e quindi dovevamo iniziare ad allontanarci di nuovo piano piano, ma che comunque se avessi bisogno di qualcosa lui c’è, che vuole aiutarmi a sistemare le cose con mia mamma e che a me tiene davvero tanto.
Io non lo capisco più, ma nemmeno la sua famiglia, tutti pensiamo che sia molto, ma molto, confuso perché eravamo tornati a fare le stesse cose di prima, mi aveva portato a una festa e lui mi abbracciava e baciava davanti alla sua famiglia come se niente fosse, abbiamo fatto l’amore dopo tanto tempo e io lo percepivo come sempre, sono arrivata al punto di credermi pazza perché a parole dice una cosa, ma nei comportamenti fa altro.
Mi sono sentita male un’altra volta e lui era disperato… ma perché fa così?
Mi ha detto una cosa e mi ha fatto capire che io mi sono mostrata troppo bisognosa di lui e di conseguenza ho dedotto che il suo allontanamento è dato anche da questo, ma io nella mia vita mi sono sempre risolta le mie cose da sola, avendo una madre che soffre di depressione, sono sola e non ho mai chiesto aiuto a nessuno e mi rompe le scatole sentirmi dire da lui che sono stata troppo bisognosa di lui in questo periodo.
E poi dico, ma come fa a dirmi che non prova le stesse cose di prima se lo percepisco come sempre? Può essere che, pensando troppo a se stesso e a questo mio attaccamento verso di lui, ha solo sotterrato i suoi sentimenti?
Io non so più che pensare, non sono pazza :(
Comunque, sì, devo rialzarmi il prima possibile e pensare di più a me stessa, lui questo lo sta facendo.
  1. più di un mese fa
  2. Psicologia
  3. # 2
Risposta accettata Pending Moderation
Buongiorno Viola,
grazie del Suo messaggio.
Da quanto scrive, il Suo ragazzo sta attraversando un periodo di crisi e cambiamento, probabilmente attivato dalla pandemia e tutto quello che questo può aver mosso in lui.
Può essere quindi che superata questa crisi il Suo ragazzo torni a voler stare con Lei, ma anche che qualcosa in lui stia cambiando profondamente e questo lo possa portare ad allontanarsi da Lei stabilmente.
A quanto pare, lui è in difficoltà e Lei ha problemi di salute… E se provaste entrambi ad utilizzare questa separazione come un’occasione per investire di più su voi stessi?
Lei, Viola, probabilmente non può aiutare più di tanto il Suo (ex) ragazzo e ancora meno ha il potere di fargli cambiare idea. Ma può decidere di lavorare quotidianamente su sé stessa per diventare una persona ancora più sana, serena, solida, soddisfatta, piena di entusiasmo ed energia. Può essere ogni giorno di più una persona che sta bene con sé stessa e fa stare bene le persone intorno a sé.
E se sarà una persona così… è molto probabile che attirerà irresistibilmente gli altri, incluso magari il suo (ex) ragazzo. Questo però non sarà lo scopo, ma una naturale conseguenza.
In altre parole il mio consiglio è: si concentri meno su di lui e più su di sé, si chieda meno come dovrebbe comportarsi e più che persona vuole essere.
In bocca al lupo!
Dott. Claudio Sessa Vitali psicologo specializzato in psicoterapia ad indirizzo sistemico relazionale ed E.M.D.R.

Tel. 02-29526852 e Cell. 347-8003203
  1. più di un mese fa
  2. Psicologia
  3. # 3
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora delle risposte per questo dialogo.
Viola
La tua risposta

Perchè scegliere noi?

3 buoni motivi per affidarsi allo Studio Kaleidos
 

1. Ascolto

La prima cosa che vi offriremo sarà un sorriso, il desiderio di conoscere la Vostra storia e la voglia di stare ad ascoltarVi fino in fondo.

2. Professionalità

Qui lavorano solo psicologi-psicoterapeuti esperti, aggiornati e appassionati, che seguono scrupolosamente il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani.

3. Efficacia

Conosciamo e usiamo le tecniche più moderne, affidabili e di validità dimostrata per produrre cambiamenti efficaci, profondi e duraturi.

Mettiti in contatto con noi

Contattateci liberamente, saremo felici di sentirvi e darvi tutte le informazioni che desiderate per fissare un eventuale primo appuntamento, ma non forniamo consulenze telefoniche o via email.

Contattaci

Contatta subito lo Studio Kaleidos

Indirizzo

Via Alessandro Stradella, 9
zona Porta Venezia - Milano

Approfondisci

Orari di apertura

Lunedì - Venerdì
9.00 - 19.00
Sabato
10.00 - 19.00

Approfondisci

Costi

€ 120 seduta singola
€ 180 seduta di coppia o familiare

Approfondisci

Contatti

Telefono
02 29526852
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Approfondisci

Ti ringraziamo per essere venuto a trovarci, rimani aggiornato sulle novità di Studio Kaleidos