Apri un dialogo nuovo

  1. Giacomo Giulianini
  2. Psicologia
  3. Martedì, 26 Maggio 2020
Ho 20 anni, da diverso tempo non ricordo quello che sogno (o meglio a volte niente, a volte qualcosa e a volte è come se mi trovassi in una situazione del tipo “ce l’ho sulla punta della lingua” ma niente), ma se devo essere onesto è ben altro il problema.
Da un periodo di tempo indefinito nel senso che non sono in grado di dire da quanto (forse perché me ne sono accorto in ritardo e se si non so come) durante l’arco di tutta la giornata mi sento intontito, anestetizzato e come se fosse qualcun’altro a controllare il mio corpo e qualsiasi cosa io faccia; è da riferire che nell’arco della mia adolescenza mi è successo spesso di passare momenti di estrema stranezza sentendomi magari in un modo simile (provando vari stati d’animo e sensazioni) ma quello che si è “acceso” in me adesso non l’ho provato mai prima.
Inoltre questa è ormai una costante di ogni giorno... ma la cosa più scioccante e insolita è la sensazione (non so dire se è solo questo o se è così veramente) di non provare più emozioni di qualunque tipo rimanendo così indifferente verso qualsiasi cosa (magari ho dei momenti in cui sembra quasi che io riesca a sorridere, ma ci riesco per metà o ridere a fatica anche a cose a cui sono sempre stato solito reagire in modo normale). Mi pare di essere quasi diventato non umano, ma senza che sia colpa mia, e quindi ho pensato subito che si tratti si di un disturbo mentale, ma non psicologico bensì organico.
Facendo alcune cose che amo fare di più è come se io cerchi di esprimere le emozioni e tutto il resto, ma che qualcosa blocchi tutto e che proprio sul mio volto e dentro di me qualcosa prova a venire a galla, ma tutto ciò è troppo difficile (proprio questa sensazione) e ciò è veramente frustrante e demotivante, specialmente se legato a passioni o cose/persone a cui teniamo più di ogni altra cosa.
So che ho incluso teorie sulla natura di ciò che io possa avere, ma solo perché mi trovo in una situazione nelle quale dovunque io guardi non trovò un filo di ottimismo sul fatto che non sia niente di che o che passerà prima o poi o che non sia di sicuro una cosa allarmante.
Può essere che abbia dimenticato dei dettagli, ma meno importanti.
Ringrazio in anticipo.
Campi Personalizzati
20
Risposta accettata Pending Moderation
Buongiorno Giacomo,
grazie del Suo messaggio.
Descrive molto accuratamente quello che prova e a mio parere ha probabilmente bisogno di essere seguito di persona da uno psicoterapeuta con una solida preparazione nell’ambito dei disturbi dissociativi.
Quando subentra uno stato di anestetizzazione e intontimento come quello che descrive, con l’incapacità di provare ed esprimere emozioni, questo avviene per un buon motivo: è necessario proteggersi. E’ come se entrasse in funzione un “salvavita” che impedisce di entrare in contatto con le Sue emozioni perché queste potrebbero risultare in qualche modo troppo intense o dannose.
Questa sana autoprotezione non va rimossa, ma va al contrario innanzitutto rispettata e compresa.
Bisogna affrontare un percorso di psicoterapia in cui innanzitutto diventare più consapevole delle proprie risorse e svilupparne di nuove, in modo da accrescere la propria stabilità e ampliare la finestra in cui le emozioni, tanto positive quanto negative, possono risultare tollerabili.
Successivamente, Lei e il terapeuta che La segue, insieme potrete gradualmente raccogliere elementi sulla Sua storia di vita e capire se ci possono essere state esperienze dolorose che è necessario rielaborare e integrare. Infine poco a poco, con l’aiuto del Suo terapeuta, costruirà un nuovo equilibrio in cui potersi sentire sufficientemente al sicuro rimanendo in contatto con tutte le Sue emozioni e questo Le permetterà di tornare a gustare ed assaporare la vita in tutti i Suoi aspetti.
Non Le nascondo che potrà essere un percorso lungo, faticoso e complesso, ma non ho alcun dubbio: ne vale assolutamente la pena!
In bocca al lupo di cuore!
Dott. Claudio Sessa Vitali psicologo specializzato in psicoterapia ad indirizzo sistemico relazionale ed E.M.D.R.

Tel. 02-29526852 e Cell. 347-8003203
  1. più di un mese fa
  2. Psicologia
  3. # 1
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora delle risposte per questo dialogo.
Giacomo Giulianini
La tua risposta

Perchè scegliere noi?

3 buoni motivi per affidarsi allo Studio Kaleidos
 

1. Ascolto

La prima cosa che vi offriremo sarà un sorriso, il desiderio di conoscere la Vostra storia e la voglia di stare ad ascoltarVi fino in fondo.

2. Professionalità

Qui lavorano solo psicologi-psicoterapeuti esperti, aggiornati e appassionati, che seguono scrupolosamente il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani.

3. Efficacia

Conosciamo e usiamo le tecniche più moderne, affidabili e di validità dimostrata per produrre cambiamenti efficaci, profondi e duraturi.

Mettiti in contatto con noi

Contattateci liberamente, saremo felici di sentirvi e darvi tutte le informazioni che desiderate per fissare un eventuale primo appuntamento, ma non forniamo consulenze telefoniche o via email.

Contattaci

Contatta subito lo Studio Kaleidos

Indirizzo

Via Alessandro Stradella, 9
zona Porta Venezia - Milano

Approfondisci

Orari di apertura

Lunedì - Venerdì
9.00 - 19.00
Sabato
10.00 - 19.00

Approfondisci

Costi

€ 120 seduta singola
€ 180 seduta di coppia o familiare

Approfondisci

Contatti

Telefono
02 29526852
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Approfondisci

Ti ringraziamo per essere venuto a trovarci, rimani aggiornato sulle novità di Studio Kaleidos