Apri un dialogo nuovo

  1. sara
  2. Psicologia
  3. Venerdì, 27 Luglio 2018
Da circa un anno vivo una storia con un ragazzo meraviglioso, io ho 29 anni e lui 22 , la differenza di età mi ha sempre preoccupato, ma siamo sempre stati benissimo. Quando abbiamo cominciato a frequentarci, erano passati 2 anni dalla fine di una storia durata 6 anni e mezzo che mi ha devastata e prosciugata di ogni energia. Lui è entrato nella mia vita come qualcosa di meraviglioso, e mi ha fatto vedere come l'amore si dovrebbe realmente vivere. Nonostante i miei timori sono riuscita ad amare di nuovo,a fidarmi ,ad aprirmi a qualcuno . Da subito è stato un rapporto ben equilibrato fatto di dialogo,comprensione reciproca, compatibilità ed eravamo felici. Le persone che ci vedevano dicevano che eravamo stupendi insieme. Non mi ero mai sentita così amata,così speciale per qualcuno. Poi improvvisamente è cambiato qualcosa. Lui ha cominciato ad entrare in crisi con la sua vita,incertezze sul suo futuro,ansie per vari problemi a casa ed ha cominciato ad allontanarsi anche da me. Ha cominciato ad essere distante ,non mi chiede nemmeno cosa faccio durante le mie giornate,e prima era sempre molto partecipe alla mia vita. Ne abbiamo parlato e mi ha detto che non capisce cosa gli succede,che non sa più niente, non sa cosa prova per me,che si sente distante da tutti ,me compresa e non capisce. Ha detto che ha cominciato a sentire il peso della nostra relazione ,che non sa se è pronto e che sta male perché vorrebbe che tornasse tutto come prima ma sente che qualcosa si è rotto, e non sa cosa. Ne abbiamo parlato domenica sera dicendo che forse avremmo dovuto prenderci una pausa, ho dormito da lui e siamo stati così bene da dimenticarci che stavamo male,abbiamo fatto l'amore ed io lo sentivo che c'era ,mi ha tenuta stretta tutta la notte e la mattina abbiamo giocato come dei bambini,come sempre. Ma ci sono stati anche dei momenti in cui abbiamo pianto perché non sapevamo come gestire la cosa. Io gli ho detto di non sentirci per un po' ,lui non era molto d'accordo. Il giorno dopo ci siamo sentiti, mi sono resa conto che stavo solo scappando e che la cosa andava affrontata insieme. Mi ha chiesto di vederci ieri per pranzo per parlarne, ma eludeva il discorso, ha detto che secondo lui ha una crisi personale che si sta riversando nel rapporto e che non vuole stare sempre a parlarne ,che quando mi vede vuole stare tranquillo con me e che la pausa gli ha messo ancora più ansia. Ma non stavamo tranquilli ,l'ansia era quasi palpabile e,nonostante lui cercasse di nasconderlo parlando di altro,io lo percepivo. Non mi ha dato neppure un bacio e lui di solito è molto affettuoso, quando l'ho baciato è sembrato quasi a disagio .
Non so cosa pensare,come comportarmi. Si può in un momento di crisi personale non riuscire a dare un nome ai propri sentimenti? O forse ha smesso di volermi all'improvviso... Cosa dovrei fare? Avere pazienza ed aspettare che questo momento passi? É giusto assecondare il suo non volerne parlare e fare finta di niente?
Grazie per l'attenzione
Campi Personalizzati
29
Risposta accettata Pending Moderation
Cara Sara,
grazie del Suo messaggio.
Purtroppo non sono in grado di darle certezze, perché da quanto scrive sembra che dipenda più da lui che da Lei superare o meno questo momento di crisi di coppia.
E’ possibile che lui si stia allontanando da Lei e senta dentro di sé di aver già preso una decisione in questo senso che però fatica ancora a mettere in atto, in questo caso può fare poco e comunque più lo insegue e incalza più otterrà l’effetto contrario.
E’ anche possibile però che invece la crisi riguardi aspetti più individuali e personali toccando solo secondariamente l’aspetto di coppia. In questo caso la cosa più utile è stargli vicino il più possibile con serenità e leggerezza, in modo da non aggiungere ulteriori preoccupazioni o fatiche, rimanendo per lui un punto di stabilità e sicurezza in mezzo alla tempesta, in modo da poter ritrovare la Vostra relazione ancora più solida al termine di questo periodo travagliato.
In bocca al lupo!
Dott. Claudio Sessa Vitali psicologo specializzato in psicoterapia ad indirizzo sistemico relazionale ed E.M.D.R.

Tel. 02-29526852 e Cell. 347-8003203
  1. più di un mese fa
  2. Psicologia
  3. # 1
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora delle risposte per questo dialogo.
Ospite
La tua risposta

Perchè scegliere noi?

3 buoni motivi per affidarsi allo Studio Kaleidos
 

1. Ascolto

La prima cosa che vi offriremo sarà un sorriso, il desiderio di conoscere la Vostra storia e la voglia di stare ad ascoltarVi fino in fondo.

2. Professionalità

Qui lavorano solo psicologi-psicoterapeuti esperti, aggiornati e appassionati, che seguono scrupolosamente il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani.

3. Efficacia

Conosciamo e usiamo le tecniche più moderne, affidabili e di validità dimostrata per produrre cambiamenti efficaci, profondi e duraturi.

Mettiti in contatto con noi

Contattateci liberamente, saremo felici di sentirvi e darvi tutte le informazioni che desiderate per fissare un eventuale primo appuntamento, ma non forniamo consulenze telefoniche o via email.

Contattaci

Contatta subito lo Studio Kaleidos

Indirizzo

Via Alessandro Stradella, 9
zona Porta Venezia - Milano

Approfondisci

Orari di apertura

Lunedì - Venerdì
9.00 - 19.00
Sabato
10.00 - 19.00

Approfondisci

Costi

€ 100 incontro individuale
€ 150 incontro di coppia o familiare

Approfondisci

Contatti

Telefono
02 29526852
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Approfondisci

Ti ringraziamo per essere venuto a trovarci, rimani aggiornato sulle novità di Studio Kaleidos