Apri un dialogo nuovo

  1. Salvatore
  2. Psicologia
  3. Lunedì, 25 Aprile 2016
Salve. Ho 22 anni da poco compiuti e vi scrivo per fare una domanda su una cosa che mi sta mandando al manicomio.
Allora. Io ho 22 anni e ho una sorella di 20 anni che è una gran bella ragazza. Io sono fidanzato con una ragazza di 20 anni pure lei e pure lei molto bella. Mia sorella pure è fidanzata e i nostri rapporti sono normali. O almeno penso che lo erano. Adesso onestamente non lo so più.
Il fatto è questo: l'altro giorno si impalla il PC di mia sorella. Non so come abbia fatto, ma di fatto il PC non si avviava più. Lei me lo dà e mi chiede di sistemarlo, visto che proprio di PC mi occupo. Prova uno, prova due, prova tre… il PC finalmente lo tiro fuori dal blocco. Ovviamente quello si avvia e per finire di sistemarlo devo navigare tra le cartelle di sistema che di solito sono nascoste, quindi devo visualizzare le cartelle nascoste. Navigando tra le varie cartelle il patatrac: mi trovo in una cartella dove ci sono delle sue foto erotiche e video porno che ha fatto col fidanzato. Non so se rendo l'idea: foto di lei da sola nuda in pose da calendario o rivista erotica e video di lei col fidanzato.
Non sono bigotto e lo so che nell'era del digitale è normale fino a che rimane all'interno della coppia e sono fatti loro e non è questo il problema.
Il problema è che guardando quelle foto e quei video ho provato una fortissima eccitazione e subito dopo questa eccitazione mi ha fatto sentire strano.
Non so se rendo l'idea. Mentre avevo sott'occhio quelle foto mi sentivo eccitatissimo e quando poi l'eccitazione è passata il fatto che mi fossi eccitato per mia sorella mi ha fatto sentire anormale. Non so se rendo l'idea. E mentre ero eccitato ho anche pensato per un attimo: "Ha ragione XXX (il fidanzato di mia sorella di cui non dirò il nome) a dire che è fortunato: se non fosse stata mia sorella e se non fossi fidanzato pure io ci avrei fatto un pensierino".
Pensando che la reazione normale doveva essere che semplicemente non mi faceva né caldo né freddo, ci ho riprovato e di nuovo e di nuovo prima mi sono eccitato e poi dopo mi sono sentito in imbarazzo.
Ovviamente di parlarne con mio padre non se ne parla. Ed eccomi qui.
Cioè voglio dire: si tratta di mia sorella quindi penso che la reazione normale che dovrei avere dovrebbe essere l'indifferenza o al massimo il disgusto e invece no. Guardando quel materiale mi eccito e mi è pure scappato quel pensiero. Però non è che sono innamorato di lei. Cioè voglio dire non è che mentre è successo il patatrac mi sono venuti dei pensieri romantici.
Non è che io ho qualche problema, qualche cosa che non va? Non dovrei essere indifferente?
Grazie.
Campi Personalizzati
22
Dott. Claudio Sessa Vitali Risposta accettata Pending Moderation
Gentile Salvatore,
grazie di cuore della Sua condivisione: tante altre persone potrebbero trovarsi in una situazione simile alla Sua senza avere il coraggio che ha avuto Lei di confrontarsi con uno psicologo esperto in tematiche sessuali.
Parto dalla Sua domande finali: non è che io ho qualcosa che non va? Non dovrei essere indifferente? No, Salvatore, Lei è perfettamente sano e normale così com’è: sia nell’eccitarsi a vedere una bella ragazza ventenne nuda in pose erotiche, sia nel sentirsi a disagio per provare eccitazione nei confronti di Sua sorella. Questo non vuol dire che sia l’unico modo possibile di sentirsi (e che deve considerarsi “malato” chi si sente diversamente), ma che Le reazioni che ha provato Lei sono molto comuni e pienamente all’interno di un ambito di normalità.
Su questi temi così delicati e di cui è tanto difficile parlare, spesso rendiamo le cose più complicate di quello che sono. Se, prima di questo episodio del computer, Sua sorella si fosse esibita in pose erotiche davanti a Lei, cosa avrebbe fatto? Probabilmente Le avrebbe detto: piantala, perché mi metti a disagio! E questo “disagio” avrebbe significato: mi crei un eccitazione che mi sembra fuori luogo e mi mette in imbarazzo, perché io ti voglio vedere come mia sorella e non come un attraente corpo femminile, anche se tu ovviamente sei entrambe le cose.
Capita abbastanza frequentemente, soprattutto in adolescenza, di poter spiare la propria sorella (o cugina o mamma) che si cambia o mentre fa la doccia, perché questo naturalmente crea curiosità e anche un po’ di eccitazione. Poi di solito questo comportamento viene rapidamente semplicemente perché alla fine crea più disagio che piacere e quindi “il gioco non vale la candela”.
Personalmente penso che il tabù dell’incesto abbia molto senso di esistere e non tanto per ragioni genetiche (basterebbe usare contraccettivi per non avere figli fra consanguinei) o morali (non è di questo che io mi occupo), quanto per ragioni psicologiche: una sorella e un fratello sono le persone che ci accompagnano generalmente più a lungo nell’arco della vita (quasi dalla nascita alla morte) e poter avere una relazione di completa fiducia reciproca e di appartenenza allo stesso nucleo familiare è qualcosa di preziosissimo e insostituibile. Nella Sua vita, Lei, Salvatore, potrà relazionarsi a tante belle ragazze e ricavare piacere da diverse conquiste sessuali (e che soddisfazione doverle “conquistare”!), ma con nessun’altra persona potrà avere lo stesso rapporto che con una sorella, che la conosce fin da piccolo e con cui avete condiviso tante esperienze nella Vostra famiglia di origine: questo è un bene unico e di grande valore, da preservare il più possibile. Per quanto mi riguarda evitare qualsiasi forma di incesto è quindi soprattutto una buona scelta per sentirsi sereni e poter vivere pienamente la propria vita.
Cosa fare ora? Se riesce (e capisco bene quanto possa risultare faticoso e imbarazzante all’inizio), una delle cose più risolutive in assoluto sarebbe parlarne apertamente con Sua sorella. Dirle qualcosa del tipo: “Ti volevo chiedere scusa perché sistemando il tuo computer ho trovato alcune tue foto e filmati privati e non ho saputo resistere alla tentazione di vederli. Devo dire che sei molto attraente, ma pensare questo mi ha messo veramente a disagio, perché io ti voglio vedere solo come la mia sorellina e non in modo diverso.”
Questo perché spesso i segreti contribuiscono a creare malessere e a volte addirittura patologia, mentre parlare apertamente rende i rapporti più autentici e profondi e le persone più libere. Se è troppo difficile parlarne con Sua sorella, potrebbe essere comunque utile confrontarsi su questo tema con un Suo amico, magari partendo proprio dal leggere con lui questa lettera e la mia risposta. In ogni caso l’obiettivo è duplice: 1) potersi sentire normale rispetto a ciò che ha vissuto 2) scegliere consapevole di evitare in futuro altre immagini o situazioni che Le possano far percepire eccitazione per Sua sorella.
In bocca al lupo!
Dott. Claudio Sessa Vitali psicologo specializzato in psicoterapia ad indirizzo sistemico relazionale ed E.M.D.R.

Tel. 02-29526852 e Cell. 347-8003203
  1. più di un mese fa
  2. Psicologia
  3. # 1
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora delle risposte per questo dialogo.
Ospite
La tua risposta

Perchè scegliere noi?

3 buoni motivi per affidarsi allo Studio Kaleidos
 

1. Ascolto

La prima cosa che vi offriremo sarà un sorriso, il desiderio di conoscere la Vostra storia e la voglia di stare ad ascoltarVi fino in fondo.

2. Professionalità

Qui lavorano solo psicologi-psicoterapeuti esperti, aggiornati e appassionati, che seguono scrupolosamente il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani.

3. Efficacia

Conosciamo e usiamo le tecniche più moderne, affidabili e di validità dimostrata per produrre cambiamenti efficaci, profondi e duraturi.

Mettiti in contatto con noi

Contattateci liberamente, saremo felici di sentirvi e darvi tutte le informazioni che desiderate per fissare un eventuale primo appuntamento, ma non forniamo consulenze telefoniche o via email.

Contattaci

Contatta subito lo Studio Kaleidos

Indirizzo

Via Alessandro Stradella, 9
zona Porta Venezia - Milano

Approfondisci

Orari di apertura

Lunedì - Venerdì
9.00 - 19.00
Sabato
10.00 - 19.00

Approfondisci

Costi

€ 100 incontro individuale
€ 150 incontro di coppia o familiare

Approfondisci

Contatti

Telefono
02 29526852
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Approfondisci

Ti ringraziamo per essere venuto a trovarci, rimani aggiornato sulle novità di Studio Kaleidos