Apri un dialogo nuovo

  1. Margot
  2. Psicologia
  3. Martedì, 29 Dicembre 2015
Buongiorno, ho concluso ormai da quasi un anno una sofferente e straziante storia d'amore con un uomo. È stato molto doloroso perché so che per un certo verso è stata anche colpa mia (dato che sono una persona molto dura soprattutto con chi amo e con chi ho paura che mi abbandoni) e il cercare di andare avanti mi è parso più simile ad una disintossicazione. Ora sto meglio anche se ci penso ancora e sapendolo già con un'altra donna totalmente opposta a me mi delude più che farmi soffrire. In ogni caso, da quel momento in avanti, dopo un periodo di ricerca della solitudine anche a livello di amicizie, ho ripreso una vita normale se non fosse che ogni volta che esco con un uomo mi trovo a non provare il minimo interesse. Guardo chi mi sta di fronte come se fosse un guscio vuoto e ascolto il suo raccontarsi come se fosse una storia sentita e risentita mille volte. Credo sia perché sono ancora condizionata dall'uomo che avevo prima e che quindi mi porta a scegliere il futuro con una scrupolosità maniacale. Ma questo essere così apatica nei confronti di molti amici (seppur con loro io mi comporti bene) e soprattutto nei confronti di uomini con cui esco per la prima volta e che dovrebbero interessarmi almeno un minimo, dato che non li ho mai visti e ci dovrebbe essere l'entusiasmo della scoperta, mi fa stare male e mi fa sentire molto sola. Forse è solo un periodo, come una convalescenza, che poi quando sarò pronta finirà. Spero in qualche consiglio che possa aiutarmi a capire. Grazie mille!
Campi Personalizzati
21
Dott. Claudio Sessa Vitali Risposta accettata Pending Moderation
Gentile Margot,
grazie per il Suo messaggio.
Il non provare il minimo interesse per nessun uomo, nel Suo caso, sembra essere un modo di proteggersi da una possibile relazione sentimentale, per la quale probabilmente prova sia un grande desiderio, sia un’enorme paura (per timore del dolore che proverebbe se venisse nuovamente abbandonata). Usando le parole di una mia paziente, potrebbe dire: “Non posso permettermi di innamorarmi e iniziare una nuova relazione, perché se poi finisse, ci starei troppo male.”
Il problema è che Lei al di fuori di una coppia sembra stare male e sentirsi sola. Pare avere un disperato bisogno di un altro che colmi il vuoto che sente dentro e La faccia sentire importante, ma in questo modo si rende molto fragile rispetto ad un possibile partner e sviluppa facilmente una dipendenza affettiva nei suoi confronti (ben indicata dal bisogno di “disintossicarsi” che ha vissuto nell’ultimo anno). Quando è all’interno di una relazione di coppia ha quindi bisogno di essere molto dura con chi ama, come per mettere alla prova il Suo partner ed essere rassicurata rispetto all’amore che lui prova per Lei, ma questo non è comunque sufficiente e vive nella costante paura di essere abbandonata. A Sua volta questa Sua insicurezza, durezza e necessità di controllo finiscono per allontanare il partner (da qui la sensazione che sia “colpa Sua”) facendo drammaticamente realizzare proprio ciò che più teme: essere abbandonata.
Se si ritrova, almeno in parte, nella descrizione che ho fatto, per spezzare questo circolo vizioso la cosa più efficace è intraprendere un percorso di psicoterapia. In esso potrà capire in che modo ha sviluppato questa relazione di attaccamento insicuro che La porta ad avere un forte bisogno dell’altro e un’ancor più forte paura di venire abbandonata e soprattutto potrà iniziare a sperimentare un modo diverso, più sicuro e sereno, di relazionarsi a sé stessa e agli altri.
Intanto un primo passo da fare può essere rendersi conto che Lei è una persona degna d’amore e che va già bene così come è, a prescindere da quelli che possono essere i Suoi difetti. Per farlo può prendere un grosso barattolo e impegnarsi ogni giorno, la sera, a scrivere un bigliettino con una cosa di Lei che Le è piaciuta durante la giornata e inserirlo nel barattolo. Basta una cosa molto piccola, come: “oggi stavo bene con il vestito che indossavo”, “ho fatto una bella telefonata con una mia amica”, “stasera mi sono divertita”, “sono andata in palestra”, ecc. E’ importante scrivere qualcosa, anche di piccolo, ogni giorno, anche nelle giornate più brutte. Dopo un qualche tempo, se ha un momento in cui si sente sola o triste, potrò rileggere i biglietti nel barattolo e attingere da questi la fiducia in sé stessa che Le serve per iniziare a vedersi con occhi nuovi e costruire una realtà diversa.
In bocca al lupo!
Dott. Claudio Sessa Vitali psicologo specializzato in psicoterapia ad indirizzo sistemico relazionale ed E.M.D.R.

Tel. 02-29526852 e Cell. 347-8003203
  1. più di un mese fa
  2. Psicologia
  3. # 1
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora delle risposte per questo dialogo.
Ospite
La tua risposta

Perchè scegliere noi?

3 buoni motivi per affidarsi allo Studio Kaleidos
 

1. Ascolto

La prima cosa che vi offriremo sarà un sorriso, il desiderio di conoscere la Vostra storia e la voglia di stare ad ascoltarVi fino in fondo.

2. Professionalità

Qui lavorano solo psicologi-psicoterapeuti esperti, aggiornati e appassionati, che seguono scrupolosamente il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani.

3. Efficacia

Conosciamo e usiamo le tecniche più moderne, affidabili e di validità dimostrata per produrre cambiamenti efficaci, profondi e duraturi.

Mettiti in contatto con noi

Contattateci liberamente, saremo felici di sentirvi e darvi tutte le informazioni che desiderate per fissare un eventuale primo appuntamento, ma non forniamo consulenze telefoniche o via email.

Contattaci

Contatta subito lo Studio Kaleidos

Indirizzo

Via Alessandro Stradella, 9
zona Porta Venezia - Milano

Approfondisci

Orari di apertura

Lunedì - Venerdì
9.00 - 19.00
Sabato
10.00 - 19.00

Approfondisci

Costi

€ 100 incontro individuale
€ 150 incontro di coppia o familiare

Approfondisci

Contatti

Telefono
02 29526852
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Approfondisci

Ti ringraziamo per essere venuto a trovarci, rimani aggiornato sulle novità di Studio Kaleidos