Skip to main content

Apri un dialogo nuovo

  Domenica, 20 Febbraio 2022
  1 Risposta
  1.9K Visite
Mi sono masturbato pensando a mia madre più volte e ho avuto un godimento intenso, ma da tempo non lo faccio più, perché moralmente riprovevole, anzi direi un comportamento da pervertito.
Appunto l'ho fatto e me ne pento, ma comunque io non ho mai avuto una bella fidanzata, sono sempre stato single, non per scelta, ma perché non ci so fare con le donne. Sono timido e quando parlo non faccio minimamente colpo, anzi faccio pena… Sono uno sfigato, insomma, di 41 anni che sogna di fare sesso con una bella donna, magari bionda e sexy, e al tempo stesso non ho gli strumenti per mettermi con qualcuna, anche perché ho problemi mentali...
Beh, comunque il punto é che mi masturbo con i video, ma poi penso in qualche modo a mia mamma comunque… Da piccolo la vedevo spesso nuda e forse già allora, pur non avendo l'età per capire qualcosa di sesso, la volevo tutta per me...
Volevo sapere: moralmente è da schifosi e da peccatori masturbarsi su propria madre anche se dà piacere più grande del solito? Grazie.
Buongiorno Paolo,
mi spiace per il conflitto interiore che sta vivendo.
Credo che l’obiettivo non sia dare giudizi, ma cercare di capire perché questo sta accadendo e come poterne uscire.
Da quanto scrive, Lei mi sembra un uomo adulto che, in modo sano e comprensibile, prova un forte desiderio sessuale, ma non riesce ancora ad esprimerlo e viverlo all’esterno in modo appagante. E questo si ritorce contro di Lei, creando una sorta di “cortocircuito”.
Come se non bastasse, queste fantasie masturbatorie Le causano una profonda vergogna e senso di colpa, che Le tolgono ancora di più fiducia in sé stesso, abbattendola, deprimendola e tormentandola. Fino a dover cercare nuovamente un temporaneo sollievo proprio in quelle fantasie incestuose, in un drammatico circolo vizioso.
Interrompere questo circuito è possibile e Lei, Paolo, un primo passo lo ha già fatto scrivendo questo messaggio.
La invito di cuore a non fermarsi ora e a rivolgersi di persona ad uno psicologocon cui iniziare un percorso per tornare ad essere padrone della Sua vita e poter godere della Sua sessualità in modo pieno, sereno ed appagante.
In bocca al lupo!
  • Pagina :
  • 1
Non ci sono ancora delle risposte per questo dialogo.
La tua risposta