Apri un dialogo nuovo

  Venerdì, 20 Novembre 2020
  1 Replies
  1.7K Visits
Ciao! Ho 24 anni e vi racconto il mio momento no. Io e lui stiamo insieme da 6 anni, affiatatissimi, molto simili, con mille cose in comune, l'uno fatto per l'altra e viceversa… la coppia perfetta, in tutto, davvero. Il mio primo vero grande amore, immenso.
Abbiamo deciso di prendere casa, perché pronti ad affrontare una convivenza insieme. Negli ultimi tempi tra noi è comparsa un po’ di tensione, dopodiché da parte sua ho notato un netto distacco e freddezza, gliene ho parlato e mi sono messa in discussione anche io, credendo che da entrambe le parti fosse accaduto qualcosa per creare questo distacco.
Ci ho pensato su, giorno e notte, sono stata malissimo, mi son fatta mille domande e sono arrivata alla conclusione che io lo amo, come sempre, ho perenne voglia di vederlo e di fare progetti futuri con lui.
Ne ho parlato con lui, esprimendo la mia posizione, e lui, rendendosi conto che il "problema" è causa sua, mi ha detto che prova gli stessi sentimenti per me, ma che le sensazioni poi quando siamo insieme non so più le stesse, e in molte cose si sente forzato, anche nei più piccoli gesti, come potrebbe essere un abbraccio, o un bacio. Mi ha promesso di pensarci su, interrogarsi e cercare di capire il motivo di ciò.
Mi trovo in una situazione in cui non so cosa pensare, aspetterò che lui si guardi dentro, pronta a tutto. Fa male, perché non c'è stata una causa scatenante, nulla, è stata una cosa così improvvisa che mi ha destabilizzato.
Aspetterò… per amore si aspetta sempre..
Accetterò volentieri i Vostri consigli.
Grazie di cuore!
Campi Personalizzati
24
più di un mese fa
·
#1313
Buongiorno Kiara, grazie del Suo messaggio.
Personalmente, in base alla mia esperienza clinica, penso che una possibile causa di questo cambiamento di stato d’animo da parte del Suo ragazzo potrebbe essere la decisione di prendere casa insieme.
Questo è infatti un passo simbolicamente molto importante, che può segnare nell’immaginario il passaggio fra una coppia di ragazzi che sta semplicemente insieme per il piacere di farlo con una coppia di adulti “sposati” con relativi doveri coniugali reciproci.
Come tutti i passaggi importanti della vita, questo cambiamento può smuovere dentro ciascuno di noi tante emozioni, anche fra loro molto contrastanti: da un lato è una cosa che posso desiderare tantissimo, dall’altro può attivare dentro di me profonde paure e angosce, di cui magari non sono nemmeno del tutto consapevole.
Quindi, a mio parere, è possibile che ci sia effettivamente una crisi nella Vostra coppia indipendentemente da questo (non posso escluderlo), ma potrebbe verosimilmente essere anche che il problema non sia tanto rispetto alla Vostra relazione di coppia e a ciò che il Suo ragazzo prova per Lei, quanto ciò che smuove nel Suo ragazzo il passaggio ad una convivenza stabile (e che magari si attiverebbe in lui indipendentemente da con quale persona sta insieme).
Se così fosse, Le suggerisco questo mantra: “tristezza e malinconia, via da casa mia!”
Provi cioè a non forzarlo in alcun modo a dare baci o abbracci che in quel momento non desidera: il contatto fisico con Lei deve essere un piacere e non un dovere, magari basato sul sentirsi in colpa. Cerchi invece, compatibilmente con i limiti del periodo complesso di pandemia che stiamo vivendo, di fare e sperimentare cose nuove, con leggerezza e incosciente allegria, sia insieme che in autonomia…
Non perda mai il buon umore e la fiducia: nella relazione, ma soprattutto in sé stessa. Con un po’ di tempo e molta pazienza, è veramente possibile che le cose si risolvano…
Lei, Kiara, deve però sentire di poter splendere di luce propria, indipendentemente da lui: coltivi quindi anche Lei un po’ di interessi e amicizie in autonomia.
Per concludere, mi viene in mente ora una vecchia barzelletta.
Un giovane uomo va da uno psicologo e gli dice: “Dottore, mi aiuti! Sento una voce che mi dice continuamente cosa devo fare e cosa non devo fare. Sono forse pazzo???”
E lo psicologo risponde: “Non si preoccupi! Lei non è pazzo… è solo sposato!”

Lei, Kiara, faccia in modo che non sia così ;-)
In bocca al lupo!
  • Pagina :
  • 1
Non ci sono ancora delle risposte per questo dialogo.
La tua risposta

Perchè scegliere noi?

3 buoni motivi per affidarsi allo Studio Kaleidos
 

1. Ascolto

La prima cosa che vi offriremo sarà un sorriso, il desiderio di conoscere la Vostra storia e la voglia di stare ad ascoltarVi fino in fondo.

2. Professionalità

Qui lavorano solo psicologi-psicoterapeuti esperti, aggiornati e appassionati, che seguono scrupolosamente il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani.

3. Efficacia

Conosciamo e usiamo le tecniche più moderne, affidabili e di validità dimostrata per produrre cambiamenti efficaci, profondi e duraturi.

Mettiti in contatto con noi

Contattateci liberamente, saremo felici di sentirvi e darvi tutte le informazioni che desiderate per fissare un eventuale primo appuntamento, ma non forniamo consulenze telefoniche o via email.

Contattaci

Contatta subito lo Studio Kaleidos

Indirizzo

Via Alessandro Stradella, 9
zona Porta Venezia - Milano

Approfondisci

Orari di apertura

Lunedì - Venerdì
9.00 - 19.00
Sabato
10.00 - 19.00

Approfondisci

Costi

€ 120 seduta singola
€ 180 seduta di coppia o familiare

Approfondisci

Contatti

Telefono
02 29526852
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Approfondisci

Ti ringraziamo per essere venuto a trovarci, rimani aggiornato sulle novità di Studio Kaleidos