Apri un dialogo nuovo

  1. Giorgia
  2. Psicologia
  3. Martedì, 02 Giugno 2020
Salve, sono una ragazza di quasi 15 anni e sto “combattendo” con un pensiero che mi sta assalendo da quasi 10 mesi, ovvero il pensiero ossessivo di essere lesbica o di esserlo diventata così, di punto in bianco. Non ho mai avuto relazioni con ragazze, ma solo con ragazzi, ma ho quasi sempre avuto delusioni, oppure mi stufavo dopo un po’ e questa cosa mi manda in crisi, perché avendo ascoltato una ragazza che è lesbica, mi aveva detto che lo era diventata a causa anche delle relazioni con i ragazzi che sono sempre andate male. Io solo da piccola ho avuto esperienze con le bambine, ma credo che sia normale, anche perché dalla 4° o 5° elementare ho incominciato a cercare solo maschi fino ad ora. Io vado in una scuola che è prevalentemente frequentata da femmine (Liceo Scienze Umane) e alcune di loro sono lesbiche.
Mi ricordo che dopo un po’ di giorni scoprì che nella mia classe quel ragazzo che appunto pensavo fosse maschio, in realtà era una ragazza, è da lì è partito tutto.
Ora non mi ricordo se questo pensiero è iniziato da quell’episodio, perché talmente ci penso quasi tutti i giorni 24h su 24, non mi ricordo più quello che mi capita il giorno prima quasi.
Non ho nulla contro di loro e anzi nel mio gruppo ho una ragazza che è lesbica (ma va anche con i maschi, perché non riesce a capire se è bisex o meno) e anche la sua storia mi ha influenzata e mi ha messa in crisi, appunto per questo, che di punto in bianco ha detto di essere lesbica.
Io non ho mai provato sentimenti verso una ragazza, neanche attrazione, ma mi ricordo che le scene di ragazze che si baciano ecc. mi fanno venire un po’ di eccitazione, ma questo io un po’ non lo accetto, anche se è normale.
Ho tanto letto su internet e non sono mai arrivata a una conclusione.
Ho raccontato questa cosa ai miei genitori e mia madre mi ha detto che è una cosa più che normale alla mia età pensarlo ecc. e ha pure chiesto a una psicologa quanto durava questa cosa e le ha detto che tra un anno potrò essere di nuovo tranquilla e io lo spero tanto. Non riesco nemmeno più a capire se io voglio ritornare alla normale vita serena oppure continuare così, perché certe volte, quando sono distratta, non ho più questo pensiero e me ne rendo conto, solo che la mia mente e io poi ci pensiamo, e poi ritorna dopo ancora più forte perché appunto sono abituata a pensarci tanto, tanto e tanto.
Io non voglio essere l’unica della mia famiglia a essere lesbica, no. Mi ricordo che certe volte invidiavo le altre ragazze che sapevano di essere etero e stavano bene. Io ho sempre voluto avere una storia d’amore con un ragazzo, bella e soddisfacente (in questo momento il pensiero mi ha fatto venire un po’ il groppo allo stomaco con questa frase) anche se ho avuto un po’ di delusioni. Io voglio essere etero.
Campi Personalizzati
15
Risposta accettata Pending Moderation
Cara Giorgia,
grazie del tuo messaggio.
Sinceramente, leggendo quello che scrivi, non ho elementi chiari per pensare che tu possa avere un orientamento sessuale piuttosto che un altro.
Mi sembra, semplicemente, che in questo momento ci sia in te una gran confusione, molta ansia e un pensiero un po’ martellante.
Come mai in questo momento tu stia provando tutta questa agitazione non so dirtelo, perché non conosco né te, né la tua famiglia, né la tua storia di vita.
Succede spesso però che avere un pensiero fisso serva ad incanalare un’inquietudine e un'ansia che viene da altro: pensare sempre e solo a quello può inconsapevolmente proteggerci da altri pensieri, potenzialmente ancora meno gestibili e per questo fonte di maggiore preoccupazione.
A volte, con il passare del tempo, può variare anche il tema della preoccupazione, rimanendo comunque intatta l’ansia sottostante. Per esempio, oggi potresti essere molto preoccupata per il tuo orientamento sessuale, più avanti invece magari di poter essere rimasta incinta o di poter aver contratto una terribile malattia…
Qualche incontro con uno psicoterapeuta ti potrebbe essere molto utile per capire meglio cosa sta succedendo in questo momento della tua vita e come trovare una maggiore serenità.
In bocca al lupo!
Dott. Claudio Sessa Vitali psicologo specializzato in psicoterapia ad indirizzo sistemico relazionale ed E.M.D.R.

Tel. 02-29526852 e Cell. 347-8003203
  1. 3 settimane fa
  2. Psicologia
  3. # 1
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora delle risposte per questo dialogo.
Giorgia
La tua risposta

Perchè scegliere noi?

3 buoni motivi per affidarsi allo Studio Kaleidos
 

1. Ascolto

La prima cosa che vi offriremo sarà un sorriso, il desiderio di conoscere la Vostra storia e la voglia di stare ad ascoltarVi fino in fondo.

2. Professionalità

Qui lavorano solo psicologi-psicoterapeuti esperti, aggiornati e appassionati, che seguono scrupolosamente il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani.

3. Efficacia

Conosciamo e usiamo le tecniche più moderne, affidabili e di validità dimostrata per produrre cambiamenti efficaci, profondi e duraturi.

Mettiti in contatto con noi

Contattateci liberamente, saremo felici di sentirvi e darvi tutte le informazioni che desiderate per fissare un eventuale primo appuntamento, ma non forniamo consulenze telefoniche o via email.

Contattaci

Contatta subito lo Studio Kaleidos

Indirizzo

Via Alessandro Stradella, 9
zona Porta Venezia - Milano

Approfondisci

Orari di apertura

Lunedì - Venerdì
9.00 - 19.00
Sabato
10.00 - 19.00

Approfondisci

Costi

€ 120 seduta singola
€ 180 seduta di coppia o familiare

Approfondisci

Contatti

Telefono
02 29526852
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Approfondisci

Ti ringraziamo per essere venuto a trovarci, rimani aggiornato sulle novità di Studio Kaleidos