Apri un dialogo nuovo

  1. Marta
  2. Psicologia
  3. Mercoledì, 06 Maggio 2020
Salve, da un anno e mezzo sto con un ragazzo che era dolcissimo, presente e sincero… passava la maggior parte del suo tempo insieme a me.
Durante la quarantena si è confidato con me, dicendomi di voler più spazio e quindi di conseguenza di vederci e sentirci di meno. A me da quel momento in poi è caduto il mondo addosso, lo sento distante e ho la paura che mi possa lasciare da un momento all’altro.
Non ho più fiducia in lui in quanto non mi aspettavo tutto questo, ci sono rimasta molto male.
Dal 4 maggio siamo riusciti a vederci e passare qualche ora insieme, ma io non mi godo quei momenti perché sto ad “analizzare” ogni suo comportamento.
Non riesco a vivere più tranquilla, ho bisogno di consigli per evitare di allontanarlo e con i miei comportamenti spingerlo a lasciarmi veramente.
Campi Personalizzati
19
Risposta accettata Pending Moderation
Buongiorno Marta,
grazie del tuo messaggio.
Durante questo periodo di corona virus siamo tutti sottoposti ad un grande stress dovuto a molti fattori: possiamo sentirci sommersi da continue notizie negative e allarmanti, essere spaventati per la salute nostra o dei nostri cari, soffrire le forti limitazioni imposte nelle nostre attività personali abituali, non poterne più di una convivenza 24 ore al giorno in casa in spazi ristretti e con poca privacy, essere preoccupati per le incertezze sul futuro anche dal punto di vista lavorativo ed economico e così via…
Ciascuno di noi reagisce a queste fatiche in un modo diverso: per esempio c’è chi, forse come te, in questo periodo può avere ancora più bisogno di una vicinanza emotiva ed affettiva con il proprio partner e di sentirsi più spesso e chi, come probabilmente il tuo ragazzo, può sentirsi stufo e apatico, perdere interesse anche nelle relazioni, che, senza niente di nuovo da dirsi o da fare, iniziano magari ad annoiarlo o addirittura ad infastidirlo. Per queste persone magari l’unico desiderio potrebbe essere quello di addormentarsi o stordirsi finché tutto questo incubo non sarà passato e non sarà possibile riprendere una vita normale…
Entrambe queste reazioni, così come molte altre diverse, sono tutte assolutamente legittime. Può essere difficile però mettersi nei panni dell’altro e questo ci può portare a leggere il comportamento dell’altro con i nostri occhi, giungendo magari a conclusioni affrettate.
E’ possibile che il fatto che il tuo ragazzo in questo periodo di quarantena ti abbia chiesto di vedervi e sentirvi di meno non abbia a che fare tanto con la vostra relazione (che magari va benissimo), quanto con il suo personale modo di vivere questo periodo così particolare.
Se tu ora non ti fidi più di lui e non riesci a godere dei momenti che ora potete finalmente vivere insieme, questo potrebbe creare un effetto a catena che rischia di allontanarvi uno dall’altro. Pensa allora al fatto che lui abbia voluto sentirti di meno nelle scorse settimane come ad un possibile segnale della sua fatica e sofferenza in questo periodo e che magari, proprio per questo, ora ha bisogno più che mai di poter vivere momenti belli, spensierati e allegri insieme a te. Meglio quindi concentrarti solo sul momento presente, sul piacere che ti può dare ora vederlo e sul grande affetto che provi per lui, in modo da poter vivere nuovamente momenti belli insieme. Costruisci belle esperienze per te e per lui insieme ora e solo dopo che le avrete vissute e avrete ricaricato le vostre batterie, a quel punto, potrai condividere anche le tue fatiche e ciò che ti ha ferito, non in termini di accusa, ma per poter permettere anche a lui di capire quale è stato il tuo vissuto soggettivo.
In bocca al lupo!
Dott. Claudio Sessa Vitali psicologo specializzato in psicoterapia ad indirizzo sistemico relazionale ed E.M.D.R.

Tel. 02-29526852 e Cell. 347-8003203
  1. più di un mese fa
  2. Psicologia
  3. # 1
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora delle risposte per questo dialogo.
Marta
La tua risposta

Perchè scegliere noi?

3 buoni motivi per affidarsi allo Studio Kaleidos
 

1. Ascolto

La prima cosa che vi offriremo sarà un sorriso, il desiderio di conoscere la Vostra storia e la voglia di stare ad ascoltarVi fino in fondo.

2. Professionalità

Qui lavorano solo psicologi-psicoterapeuti esperti, aggiornati e appassionati, che seguono scrupolosamente il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani.

3. Efficacia

Conosciamo e usiamo le tecniche più moderne, affidabili e di validità dimostrata per produrre cambiamenti efficaci, profondi e duraturi.

Mettiti in contatto con noi

Contattateci liberamente, saremo felici di sentirvi e darvi tutte le informazioni che desiderate per fissare un eventuale primo appuntamento, ma non forniamo consulenze telefoniche o via email.

Contattaci

Contatta subito lo Studio Kaleidos

Indirizzo

Via Alessandro Stradella, 9
zona Porta Venezia - Milano

Approfondisci

Orari di apertura

Lunedì - Venerdì
9.00 - 19.00
Sabato
10.00 - 19.00

Approfondisci

Costi

€ 120 seduta singola
€ 180 seduta di coppia o familiare

Approfondisci

Contatti

Telefono
02 29526852
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Approfondisci

Ti ringraziamo per essere venuto a trovarci, rimani aggiornato sulle novità di Studio Kaleidos