1. andrea
  2. Psicologia
  3. Mercoledì, 18 Settembre 2013
Buonasera Dottore, io sono in cura con Entact gocce da circa un anno. Prendo 15 gocce a sera, per curare un problema di depressione e attacchi di panico. Gli scorsi sabato e domenica non ho preso le gocce per paura che mi facessero stare male. Lunedì le ho prese, ma mi è venuto un forte attacco di panico, perchè già ero spaventata dal doverle prendere. Così ieri sera, sempre per paura, non le ho prese. Questa sera ho l'ansia e non so cosa fare, se prenderle o no. Ho paura di stare male prendendole, ma anche non prendendole. Spero che mi possa aiutare, grazie mille!
Campi Personalizzati
19
Risposta accettata Pending Moderation
Gentile Andrea, grazie del Suo messaggio. Io sono uno psicologo e uno psicoterapeuta, non un medico o psichiatra. Mi occupo molto spesso di [url=idee/attacchi-di-panico.html]curare gli attacchi di panico[/url], ma dare indicazioni farmacologiche non mi compete. Le consiglio quindi di confrontarsi il prima possibile rispetto a questi dubbi con il medico che Le ha prescritto il farmaco. E' necessario infatti che qualsiasi psicofarmaco venga prescritto da uno specialista che, dopo aver valutato attentamente la situazione personale specifica, possa indicare come procedere. Per una buona riuscita della cura è fondamentale che il medico curante possa spiegare anticipatamente nel dettaglio quali vantaggi e controindicazioni è possibile attendersi dal farmaco, offrendo la possibilità di essere contattato per dubbi o chiarimenti durante il trattamento. Questo perchè l’efficacia di uno psicofarmaco dipende molto anche dal significato attribuito dal paziente alla cura e dal rapporto di fiducia che si è instaurato con il medico che lo ha prescritto: per alcuni la sola idea di prendere una medicina aiuta già a sentirsi meglio e più padroni della situazione che si sta vivendo (si parla in questo caso di un effetto autosuggestivo benefico chiamato “placebo”), per altri il fatto stesso di assumere un farmaco suscita grandi ansie e paure (in questo caso l’effetto autosuggestivo negativo viene invece definito “nocebo”). E' quindi importante avere un medico di riferimento con il quale potersi confrontare apertamente rispetto a perplessità e timori… senza dimenticare mai che la più grande ed efficace fabbrica di psicofarmaci è sempre il nostro cervello! In bocca al lupo.  
Dott. Claudio Sessa Vitali psicologo specializzato in psicoterapia ad indirizzo sistemico relazionale ed E.M.D.R.

Tel. 02-29526852 e Cell. 347-8003203
  1. più di un mese fa
  2. Psicologia
  3. # 1
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora delle risposte per questo dialogo.
Ospite
La tua risposta