1. Cara96
  2. Psicologia
  3. Domenica, 12 Luglio 2020
Salve dottore, da 6 anni sto con il mio attuale fidanzato e conviviamo da 1 anno e mezzo.
Pochi mesi fa lui è stato scoperto a rubare pochi soldi a un suo collega... Mi ha confessato cosa aveva fatto in lacrime e pentito, ma mi ha detto che lo ha fatto perché a me avevano rubato 50€ lì, anche se consapevole che non era una giustificazione.
Lui ha chiesto scusa al suo collega.
Io lo amo e conosco chi è lui... Non è una brutta persona... Ma a me è caduto il mondo addosso, non voglio lasciarlo... Ma sto malissimo per quello che ha fatto... Lui ovviamente mi ha detto che non lo avrebbe fatto mai più... Ma io ci penso di continuo... Mi date qualche consiglio per favore? Non voglio lasciarlo ma ho paura che lo rifà. Come volto pagina?
Campi Personalizzati
24
Risposta accettata Pending Moderation
Buongiorno Cara96,
grazie del Suo messaggio.
Da quanto scrive, la scoperta di questo piccolo furto Le ha un po’ “rubato” la fiducia incondizionata che riponeva nel Suo ragazzo. E probabilmente quanto è avvenuto è un fatto che fa fatica ad integrare nell’immagine che Lei si era costruita di lui.
Non conosco il Suo ragazzo e la sua storia e quindi non sono in grado di ipotizzare il significato che può aver avuto per lui compiere quel gesto, né ho idea se questo possa rimanere un episodio isolato o indicare un atteggiamento più radicato.
Provi a parlare apertamente con lui dei Suoi timori e cercare di capire meglio che funzione può aver assolto questo suo comportamento.
Se anche lui, come è possibile che sia, non riesce a capire bene perché l’ha fatto, magari alcuni incontri con uno psicologo potrebbero aiutarlo a conoscersi e comprendersi meglio.
In bocca al lupo!
Dott. Claudio Sessa Vitali psicologo specializzato in psicoterapia ad indirizzo sistemico relazionale ed E.M.D.R.

Tel. 02-29526852 e Cell. 347-8003203
  1. più di un mese fa
  2. Psicologia
  3. # 1
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora delle risposte per questo dialogo.
Cara96
La tua risposta